lipsia

Cercate una alternativa a Berlino per le vostre vacanze in Germania? Lipsia è la città degli artisti. Una città che negli ultimi anni si è trasformata in nuovo centro culturale che dalla musica diventa arte. Ecco cosa c’è da vedere e quali sono le principali attrazioni tra storia e modernità

Tutto è possibile a Lipsia, o quasi. La città di Bach ha aperto le porte all’arte contemporanea e a chiunque abbia idee da realizzare. Vecchi edifici diventano gallerie d’arte, caffè, studi creativi pronti a cambiare il volto della città. A ritmo sostenuto. Affitti bassi, voglia di condivisione, spazi da riqualificare e spirito imprenditoriale nutrono un centro commerciale e culturale in continua crescita.

Lipsia vanta una tradizione culturale da poco rivalutata. Nota in tutto il mondo come “città del libro” è da sempre un importante centro culturale e commerciale in Germania. Ma se Berlino un tempo era l’unica meta della Germania imperdibile per turismo o lavoro, oggi questa città sta prendendo sempre più quota con prezzi degli immobili più bassi e alta qualità della vita in generale. Il fascino industriale decadente della capitale sembra svanito insieme agli spazi a disposizione. Lipsia offre affitti più bassi e edifici storici testimonianza dell’attività umana come esempi di archeologia industriale. Ecco che intere aree di degrado si trasformano e diventano una risorsa per la società e il territorio.

Storia di Lipsia

Goethe, Schiller e Bach sono di casa a Lipsia che vanta anche i natali a Leibniz e Wagner. Situata in una posizione tattica, ha potuto sviluppare i traffici e allargare all’arte e alla musica. E come nel passato lo spirito che anima tutta la zona della Sassonia si rivolge alla cultura. Qui sono nate le prime università, i primi conservatori e scuole di musica. Fino al 1945 Lipsia è stata la sede del tribunale dell’Impero Tedesco e ad oggi si rivela un cantiere in progress. I quartieri sono popolati di famiglie e giovani imprenditori creativi pronti a mettersi in gioco. Ma in generale la voglia di costruire e condividere è sentita dalla maggior parte della popolazione. Ricorda il fermento vissuto a Berlino dopo la caduta del muro.

Lipsia città tutta da scoprire

Oggi capannoni industriali e vecchie fabbriche diventano centri di ritrovo internazionali per chi suona e si occupa di arte. Feste organizzate da studenti e centri culturali giovali autogestiti sono realtà diffuse. Distillery offre un’ampia scelta di spettacoli dal vivo ed eventi culturali mentre Westwerk mantiene la sua veste industriale. E poi mercatini vintage dove trovare di tutto e di più a poco prezzo, ma non solo.

Cibo di strada, disegno, cabaret, laboratori e concerti sono gli ingredienti del mercato del Täubchenthal. Anche i locali per mangiare e bere si distinguono per quel gusto retrò rivisitato in linea con la sobrietà e ricercatezza del particolare. La scena dipinta dalla città di Lipsia è culturalmente vivace. Il cibo è l’altro aspetto da indagare e scoprire. Dedicati ai vegetariani, vegani e chi ha voglia di scoprire piatti di cucina etnica. Senza dimenticare i mercati di cibo in strada come trend del momento. Ma non solo studenti e artisti.

Modernità e tradizione

Tra i tanti luoghi di aggregazione c’è la centrale elettrica Kunstkraftwerk trasformata un officina e spazio ideale per ospitare installazioni di grandi dimensioni e progetti sperimentali. Le sorprese non mancano. Nuovi spazi espositivi si alternano a edifici barocchi. Poi dipende dalle zone e dai quartieri più o meno all’avanguardia. Qui il fenomeno dell’immigrazione non spaventa anzi è si rivela uno patrimonio. Si incentivano progetti comunitari e scambi internazionali tra mostre d’arte, musica dal vivo.

Tra i momumenti storici ancora più antica è la chiesa di San Tommaso costruita nel 1212 che custodisce le reliquie di Johann Sebastian Bach insieme al magnifico palazzo rococò in cui sono raccolte le sue testimonianze. Non manca la ricca galleria di opere d’arte all’interno di uno dei principali musei di belle arti al mondo. Qui è possibile ammirare la collezione permanente dedicata a quadri di pittori famosi come Cranach, Franz Hals, Friedrich e Munch e non solo. Mostre temporanee si alternano all’interno dell’edificio in vetro e acciaio, esempio di commistione tra vecchio e nuovo. Per altre informazioni contattare l’ufficio del turismo tedesco.