bambino libri

Boschi, verde, pascoli, animali selvatici… cosa vi aspettate di trovare nei libri per bambini? Secondo una ricerca la natura sta piano piano abbandonando i loro libri e anche la loro fantasia.

Lo studio realizzato dal ricercatore Allen Williams Jr. della University of Nebraska-Lincoln ha preso in esame i volumi che hanno vinto dal 1938 ad oggi il Caldecott Medal, un premio che ogni anno viene dato all’artista americano che si distingue per la migliore illustrazione di libri per bambini. Cosa ha scoperto? Ha scoperto che i libri per ragazzi che escono oggi nelle librerie contengono molte meno illustrazioni di animali selvatici di un tempo, sostituiti da animali domestici come cani e gatti, e meno immagini di ambiente naturale allo stato brado, sostituite da ambienti realizzati dall’uomo, come case o parchi, se non marciapiedi o strade.

Negli ultimi due decenni in particolare gli ambienti naturali sono quasi del tutto scomparsi dai libri per bambini e purtroppo non solo dai libri. Così insieme agli orsi che hanno visto solo allo zoo, i bambini crescono convinti che i mirtilli si trovino al supermercato e anche i pochi fortunati che vengono portati nei parchi naturali, viaggiano bardati con materiali hi-tech e visitano la natura rimasta con modalità che di selvaggio non hanno più nulla. In compenso a 2 anni sanno già usare l’iPad…