gambe in piscina

Oltre l’acquafitness si fa strada il nuovo modo di allenarsi, si chiama Jump e promette risultati migliori in tempi più brevi. Basta un tappeto elastico appoggiato sul fondo della piscina, la musica e tanta voglia di muoversi e saltare sfidando l’attrito dell’acqua che con tutta questa attività intanto massaggia il corpo.

Niente ricarichi sulle articolazioni di ginocchio e caviglia, del resto chi già pratica acquagym ben conosce le virtù dell’acqua da ottimizzare nella nuova pratica del Jump, presentata come una delle ultime tendenze del fitness capace di bruciare più di 600 calorie a lezione a ritmo di musica. L’allenamento consiste nel saltare su un trampolino acquatico elastico di ridotte dimensioni fissato sul fondo della piscina da apposite ventose il cui nome ufficiale è H2Ofit Aqua Jump. L’inizio è graduale e alternato al tradizionale allenamento di acquagym con balzi, affondi ed esercizi vari fino ad arrivare a una vera e propria lezione completa di Jump della durata di 45 minuti.

Si nota un miglioramento della forma fisica mentre l’apparato cardiorespiratorio lavora in maniera ottimale inoltre, e questo fa la differenza rispetto alle altre tipologie di allenamenti, a beneficiare sono soprattutto i muscoli delle gambe e glutei che lavorano giocando contro il movimento e quindi l’attrito dell’acqua… il risultato? L’Aqua Jump migliora la circolazione con un addio alla ritenzione idrica, o quasi. Rimbalzare, ecco la parola magica insieme a massaggio, quello naturale dell’acqua capace di stancare e rilassare piacevolmente il corpo drenandolo, migliorando la circolazione senza gravare sulle articolazioni… non a caso esistono innumerevoli attività adatte a tutti che si svolgono in acqua senza alcuna controindicazione, anzi.