navigatori satellitari

Dopo il divieto di parlare al telefonino mentre si guida, forse si arriverà anche quello per l’iPod. Sì, perchè la distrazione in tutte le sue forme è causa di almeno 8 incidenti su 10 e certo smanettare sulla ghiera cliccabile del proprio iPod alla ricerca del brano preferito mentre si guida in autostrada, non rientra nel decalogo dei corsi di guida sicura.

Il grido d’allarme viene dal Canada. La Canadian Automobile Association (CAA) si è fatta portavoce del problema e per adesso se l’è presa con iPod, lettori multimediali e chi più ne ha ne metta, non solo per chi sta al volante, ma anche per chi conduce moto o biciclette. L’invito, anche un pochino perentorio, è di proibirne l’uso, in modo da rendere la circolazione più sicura.

In realtà non è stato dimostrato che l’iPod sia un oggetto capace di provocare incidenti, ma un suo uso inappropriato lo renderebbe responsabile quantomeno di “distrazione generica”. Sicuramente il suo utilizzo in auto non aiuta la concentrazione soprattutto se si ascolta musica rock a tutto volume. D’altronde ognuno ha i suoi gusti: cambiare stazione radiofonica sull’autoradio, sostituire un Cd audio o mangiare, non sono forse comportamenti altrettanto pericolosi per un guidatore?

Vedremo come andrà a finire, anche perchè alcune compagnie di assicurazione potrebbero prendere la palla al balzo e rifiutarsi di coprire i danni causati da incidenti dovuti a questo genere di disattenzione. Magari invece si risolverà il tutto con un nulla di fatto, a parte l’aver posto l’accento su un problema comunque importante.

A proposito di disattenzione sulle strade, come mai nessuno parla mai dei mega cartelloni pubblicitari con le gigantografie di prosperose fanciulle in mutande a far bella mostra si sè tra incroci e semafori delle nostre città?