ipod

Chi si ferma è perduto, che tradotto nella filosofia Apple diventa ‘The Beat Goes On’. Se solo qualche mese fa è stato l’iPhone a suscitare l’entusiasmo degli appassionati di mezzo mondo, ora è l’intera gamma degli iPod a rinnovarsi: nuovi shuffle, nuovi nano, nuovi iPod e l’ingresso dell’iPod touch, presentato dal guru di Apple Steve Jobs come ‘una delle sette meraviglie del mondo’. Cosa nasconde tanta modestia..?

E’ chiaro che il successo possa dare alla testa, ma è altrettanto vero che il nuovo iPod touch contiene importanti novità, anche se essenzialmente è un iPhone senza telefono. In uno spessore di soli 8 mm racchiude uno schermo da 3.5″ touchscreen con funzionalità multitouch, sensore di luminosità, accelerometro in grado di rilevare l’orientamento del player per visualizzare meglio foto e filmati, wifi e possibilità di navigare in internet.

Con iPod touch, sfiorando lo schermo con un solo dito è possibile sfogliare la propria libreria musicale in modalità coverflow e acquistare musica e video in modalità wireless sul nuovo iTunes Store WiFi. L’autonomia è di 22 ore per la musica e 5 ore per i video. Due le versioni in vendita in Italia dalla fine del mese: 8Gb a 299 euro e 16Gb a 399 euro.

Passando al restyling degli altri modelli di iPod, si afferma la tendenza a diminuire le dimensioni aumentando le prestazioni. Così il nuovo iPod Nano da 4Gb e da 8Gb (rispettivamente a 149 euro e 199 euro) ora include uno schermo da 2 pollici in grado di visualizzare video e giochi con un’autonomia di 24 ore per l’ascolto e di 5 ore per i filmati.

Rinnovato anche l’iPod a disco rigido, ora chiamato iPod classic: finiture in alluminio, display più luminosi da 2.5″, capacità da 80 e 160 Gb (249 euro e 349 euro) in grado di immagazzinare più di 40.000 canzoni e quasi 200 ore di video con una autonomia di 40 ore. Il tutto con un nuovo software ricco di animazioni. Il più piccolo della compagnia, l’iPod shuffle, è l’unico a non subire sostanziali modifiche se non nel colori, adesso in tonalità pastello.

Infine un altra novità riguarda l’iPhone: non verrà più prodotto il 4Gb, mentre l’iPhone da 8Gb verrà offerto ad un prezzo di 399 $, quasi 200 $ in meno rispetto al suo pur recente ingresso sul mercato. La cosa ovviamente non ha mancato di suscitare l’ira e le proteste dei primi clienti. Così lo stesso Steve Jobs ha deciso di offrire a chi ha comprato un iPhone a prezzo pieno (due mesi fa), un bonus di 100 dollari da spendere in prodotti Apple.