galleria arte moderna contemporanea

Un nuovo utilizzo dell’iPod alternativo all’ascolto di musica: l’audioguida per musei.

I fortunati che si recheranno in vacanza a New York e amano girare per mostre, possono già scaricare gratuitamente delle guide in formato mp3 realizzate da David Gilberg, professore di Scienza della Comunicazione al Manhattan College di New York, con un gruppo di suoi studenti. L’idea è venuta ad una studentessa, partendo dall’osservazione che le audioguide ufficiali fornite dai musei di NY, oltre a costare 5 dollari, non sono così entusiasmanti. (Il problema è globale: guardate l’espressione dei visitatori con cuffietta che girano nei musei italiani). E dunque, perchè non cercare un modo alternativo per parlare dell’arte, magari più vivace e coinvolgente per il pubblico?

Ironiche, irriverenti e condite da un sottofondo musicale: secondo il professor Gilberg, queste audioguide “fatte in casa” (per ora solo per il MoMa, Museom of modern Art di New York), riusciranno a trasformare i visitatori da consumatori passivi di opere d’arte, in soggetti attivi. MoMa a parte, l’uso dei lettori mp3 portatili si sta rapidamente diffondendo in tutti i musei del mondo. Alcuni, come il Walker Art of Minnesota, hanno deciso di mettere a disposizione in internet le audioguide ufficiali, mentre il Mori Art Museum di Tokyo ha dato in prestito ai suoi visitatori degli iPod. Ben contenta di ampliare il proprio mercato, la stessa Apple ha offerto i suoi player per una mostra al castello di Chenonceau in Francia.