Imparare a suonare uno strumento da adulti non è impossibile né inutile, anzi è una sfida che arricchisce la mente e il cuore. Per superare difficoltà, mancanza di tempo e frustrazione basta avere volontà, passione e trovare il metodo giusto

Molti adulti hanno sempre desiderato sapere suonare ma pensano che sia troppo tardi per imparare a suonare uno strumento musicale. Sanno che la musica è una disciplina che richiede anni di studio e pratica e che é meglio iniziare da bambini o adolescenti. Con l’andare dell’età credono sia molto difficile se non impossibile imbracciare una chitarra o sedersi davanti ad un pianoforte.

In realtà, imparare a suonare uno strumento da adulti non solo è possibile, ma anche vantaggioso per la salute mentale e fisica, oltre che per il piacere personale. In questo articolo vedremo in cosa consiste il processo di apprendimento musicale, quali sono i suoi benefici e come superare le difficoltà iniziali. Inoltre daremo alcuni consigli per scegliere lo strumento più adatto alle proprie esigenze e aspirazioni.

Indice

L’importanza della musica da adulti

La musica non conosce età, e imparare a suonare uno strumento da adulto porta con sé una serie di benefici unici, sia a livello cognitivo che emotivo. Oltre a stimolare la mente, suonare è un modo eccellente per rilassarsi e liberare lo stress quotidiano. La musica offre un’esperienza emotiva profonda e può diventare un’ancora di stabilità nelle sfide della vita adulta. Più nel dettaglio ecco cosa può fare:

Stimola il cervello: la musica è una forma di linguaggio che coinvolge diverse aree cerebrali, come la memoria, l’attenzione, il coordinamento motorio, l’udito, la vista e l’emozione. Imparare a suonare uno strumento richiede di sviluppare queste abilità e di creare nuove connessioni neurali. Questo aiuta a mantenere il cervello attivo e in forma, prevenendo il declino cognitivo legato all’età.

Riduce lo stress: la musica ha un effetto rilassante sul corpo e sulla mente, in quanto abbassa la pressione sanguigna, il battito cardiaco e i livelli di cortisolo, l’ormone dello stress. Inoltre, suonare uno strumento permette di esprimere le proprie emozioni e di liberarsi dalle tensioni accumulate nella vita quotidiana.

Aumenta l’autostima: imparare a suonare uno strumento è una sfida personale che richiede impegno, disciplina e pazienza. Ogni piccolo progresso è una fonte di soddisfazione e di orgoglio, che rafforza la fiducia in se stessi e nelle proprie capacità.

Migliora l’umore: la musica è in grado di influenzare lo stato d’animo, in quanto stimola la produzione di endorfine, le sostanze chimiche responsabili della sensazione di benessere e felicità. Suonare uno strumento può quindi aiutare a combattere la depressione, l’ansia e la noia.

Amplia gli orizzonti culturali: imparare a suonare uno strumento significa anche entrare in contatto con un mondo ricco di storia, tradizioni, stili e generi musicali. Si può così scoprire nuove culture, nuove influenze e nuove ispirazioni.

Favorisce le relazioni sociali: imparare a suonare uno strumento può essere un’occasione per conoscere altre persone che condividono la stessa passione, sia online che offline. Si possono così creare legami di amicizia, collaborazione e condivisione, magari formando un gruppo musicale o partecipando a eventi e concerti.

Scegliere lo strumento da suonare

Imparare a suonare uno strumento da adulti è una scelta che richiede impegno, passione e motivazione. Per questo, è importante scegliere lo strumento che più ci piace e che si adatta alle nostre caratteristiche fisiche, psicologiche e pratiche. Non esiste uno strumento migliore di un altro in assoluto, ma solo quello che meglio risponde alle nostre esigenze e preferenze. Ecco alcuni criteri da tenere in considerazione per scegliere lo strumento più adatto a sé:

Il gusto musicale: se amiamo un genere musicale in particolare, può essere utile scegliere uno strumento che lo rappresenti o che lo possa eseguire. Ad esempio, se amiamo il rock, potremmo optare per la chitarra elettrica, il basso o la batteria. Se invece preferiamo la musica classica, potremmo orientarci verso il pianoforte, il violino o il flauto.

Le capacità fisiche: ogni strumento richiede una certa abilità manuale, respiratoria o vocale. Alcuni strumenti sono più facili da suonare di altri, ma tutti richiedono una certa coordinazione e destrezza. Dovremmo quindi valutare le nostre capacità fisiche e scegliere uno strumento che non ci crei difficoltà o disagio. Ad esempio, se abbiamo problemi di postura o di schiena, potremmo evitare gli strumenti che richiedono di stare seduti o in piedi per molto tempo, come il pianoforte o il violoncello. Se invece abbiamo problemi respiratori o di voce, potremmo evitare gli strumenti a fiato o il canto.

Le possibilità economiche: gli strumenti musicali hanno prezzi molto variabili, a seconda della qualità, della marca e del modello. Alcuni strumenti sono più economici di altri, ma tutti richiedono una certa manutenzione e cura. Dovremmo quindi considerare il nostro budget e scegliere uno strumento che possiamo permetterci e che possiamo mantenere in buone condizioni. Ad esempio, se abbiamo pochi soldi, potremmo optare per una chitarra acustica o un ukulele, che sono strumenti relativamente economici e facili da trasportare. Se invece abbiamo più soldi, potremmo investire in uno strumento più costoso e prestigioso, come un pianoforte, un saxofono o un violino.

Lo spazio disponibile: gli strumenti musicali occupano spazio, sia quando li suoniamo che quando li riponiamo. Alcuni strumenti sono più ingombranti di altri, e richiedono una certa attenzione per non danneggiarli o disturbare i vicini. Dovremmo quindi valutare lo spazio che abbiamo a disposizione e scegliere uno strumento che possiamo collocare facilmente e senza problemi. Ad esempio, se viviamo in un appartamento piccolo o condiviso, potremmo evitare gli strumenti che fanno molto rumore o che richiedono amplificatori o casse acustiche, come la batteria o il pianoforte. Se invece abbiamo una stanza dedicata alla musica o un garage isolato, potremmo scegliere uno strumento più voluminoso o rumoroso, come l’organo o la tromba.

Come superare le difficoltà di suonare

Imparare a suonare uno strumento da adulti comporta alcune sfide che possono scoraggiare o rallentare il progresso. La prima è la mancanza di tempo. Per imparare a suonare uno strumento è necessario essere costanti e praticare regolarmente, altrimenti si rischia di perdere le competenze acquisite o di non migliorare. Gli adulti hanno spesso impegni lavorativi, familiari e sociali ed è importante organizzare bene il proprio tempo e stabilire una routine di studio che sia realistica e sostenibile.

Si può scegliere un momento della giornata in cui si è più liberi e concentrati, ad esempio la mattina presto o la sera dopo cena, e dedicare almeno 15-20 minuti al giorno allo strumento. Se non si ha la possibilità di praticare tutti i giorni, si può optare per sessioni più lunghe ma meno frequenti, ad esempio due o tre volte a settimana per un’ora. L’importante è essere regolari e non saltare le lezioni o le prove.

Gli adulti tendono anche ad essere più autocritici rispetto ai bambini o agli adolescenti, e possono avere aspettative troppo alte o irrealistiche sul proprio livello di abilità. Questo può portare a frustrazione, ansia o vergogna, che possono minare la motivazione e il piacere di imparare a suonare. Per superare questo ostacolo, è fondamentale accettare il proprio punto di partenza e i propri limiti, e non confrontarsi con gli altri ma con se stessi.

Si possono impostare degli obiettivi raggiungibili e misurabili, e celebrare ogni piccolo successo o miglioramento. Si può anche cercare il supporto di un insegnante qualificato, che possa fornire feedback costruttivi e incoraggianti, e di altri musicisti o appassionati, che possano condividere esperienze e consigli. per imparare a suonare uno strumneto avere un metodo adatto alle proprie esigenze e preferenze è fondamentale

Risorse per imparare a suonare

Non esiste un metodo migliore di un altro per imparare a suonare, ma tra libri, video o app, lezioni online o corsi dal vivo, è importante scegliere quello che si adatta meglio al proprio stile di apprendimento, al proprio livello di competenza e al proprio obiettivo. In generale, è consigliabile combinare diverse fonti e modalità di apprendimento, per stimolare diverse aree del cervello e rendere lo studio più vario e divertente, alternando lo studio teorico con la pratica musicale.

Ci sono molte risorse e supporti che possono aiutare a raggiungere un obiettivo. Certamente un bravo maestro privato può fare la differenza. Oppure si può trovare supporto e motivazione frequentando una scuola di musica o un gruppo di appassionati. Queste opzioni permettono di avere una guida qualificata, di ricevere feedback personalizzati, di confrontarti con altri allievi e di esibirti in pubblico. Ma anche online, puoi trovare numerosi siti web, blog, video, podcast e corsi dedicati alla musica e all’apprendimento di vari strumenti.

Musictheory è un sito web che offre lezioni interattive di teoria musicale, esercizi e strumenti utili per chi vuole suonare

Yousician è un’applicazione che ti insegna a suonare il pianoforte, la chitarra, il basso, il ukulele o la batteria, ascoltando il tuo suono e dandoti feedback in tempo reale

Udemy è una piattaforma di apprendimento online che offre corsi di musica di vari livelli e generi, tenuti da esperti e professionisti

YouTube è il famoso sito di condivisione video che ospita migliaia di tutorial, lezioni, dimostrazioni e consigli per imparare a suonare diversi strumenti.

Organizzare lo studio e la pratica

Imparare a suonare uno strumento da adulti richiede impegno, costanza e disciplina. Non basta acquistare uno strumento e seguire qualche lezione online o con un insegnante. Bisogna dedicare del tempo allo studio teorico e alla pratica quotidiana, seguendo un metodo efficace e adattato al proprio livello e ai propri obiettivi. Ecco alcuni consigli per organizzare al meglio lo studio e la pratica strumentale:

Stabilisci una routine giornaliera Scegli un orario e una durata fissi per dedicarti allo strumento, preferibilmente al mattino o alla sera, quando sei più rilassato e concentrato. Crea uno spazio adeguato, silenzioso e confortevole, dove puoi suonare senza distrazioni o interruzioni. Se possibile, usa sempre lo stesso strumento, per abituarti al suo suono e alla sua sensibilità.

Segui un piano di studio Non improvvisare o saltare da un argomento all’altro, ma segui un percorso strutturato e graduale, che ti permetta di acquisire le basi teoriche e pratiche dello strumento. Puoi seguire un libro, un corso online o le indicazioni di un insegnante qualificato. Il piano di studio deve essere adeguato al tuo livello di partenza, ai tuoi interessi musicali e ai tuoi obiettivi di apprendimento.

Alterna esercizi e brani Non limitarti a ripetere gli stessi esercizi o a suonare solo i brani che ti piacciono, ma cerca di variare il tuo repertorio e di affrontare sfide sempre nuove. Gli esercizi servono a sviluppare la tecnica, l’orecchio, il ritmo e la lettura dello spartito. I brani servono a esprimere la tua musicalità, il tuo gusto e la tua creatività. Cerca di scegliere esercizi e brani adatti al tuo livello, ma anche stimolanti e divertenti.

Registra le tue performance Un ottimo modo per monitorare i tuoi progressi e per migliorare la tua esecuzione è registrare le tue performance con uno smartphone, una videocamera o un registratore. Ascolta le tue registrazioni con attenzione e con spirito critico, cercando di individuare i punti di forza e le aree di miglioramento. Confronta le tue registrazioni con quelle di altri musicisti, sia principianti che esperti, per trarre ispirazione e consigli.

Chiedi feedback e supporto Imparare a suonare uno strumento da adulti non significa farlo da soli. Puoi chiedere feedback e supporto a un insegnante, a un amico, a un familiare o a un altro musicista. Ascolta i loro commenti con apertura e umiltà, cercando di apprendere da loro. Puoi anche partecipare a gruppi online o offline di appassionati dello stesso strumento, per scambiare esperienze, consigli e suggerimenti.

Unisciti a una comunità musicale per adulti per condividere le tue esperienze, ottenere consigli e trovare ispirazione. Le connessioni con altri musicisti adulti possono motivarti ulteriormente e offrirti nuove prospettive. Partecipa a lezioni, workshop o eventi locali per ampliare la tua rete e costruire amicizie durature che si alimentano di passione per la musica.


Articolo precedenteBagno caldo: benefici per corpo e mente
Articolo successivoIsee cos’è cosa serve e come si calcola
Autore: Fulvio Binetti
Fulvio Binetti è un editore online, fondatore di Bintmusic.it, musicista, produttore e esperto di comunicazione digitale. Da oltre tre decenni collabora con le principali realtà del campo audiovisivo, discografico ed editoriale, dove si è distinto nella produzione di canzoni e colonne sonore per tv, radio, moda, web ed eventi. In qualità di blogger, condivide approfondimenti su musica, cultura e lifestyle. Per saperne di più leggi la biografia o segui i suoi profili social.