lp vinile

Sapete quanti iPod sono stati venduti nel mondo? Più di 70 milioni. Diamo per scontato che gli acquirenti non siano solo ragazzini. Anzi è molto probabile che tra i più assidui utilizzatori di lettori mp3 vi siano splendidi 40 e 50 enni che pur essendo saliti sul treno della rivoluzione tecnologica digitale, hanno nel loro bagaglio di ricordi e spesso anche in cantina, interi scaffali di 33 giri inutilizzati e impolverati. Oggi parliamo del modo più semplice per portarli a nuova vita, trasformandoli in mp3.

Dimenticatevi complicazioni, cavi e collegamenti con schede audio, prese in/out da imbroccare sul computer per riuscire a collegare il vostro vecchio giradischi. Saranno solo un ricordo anche le ore spese a trafficare con qualche software di editing audio per trasformare una forma d’onda in tante tracce mp3 separate corrispondenti ai singoli brani.

La soluzione si chiama Ion Usb. Prodotto da Ion Audio è un nuovo giradischi che si collega direttamente alla presa usb e che consente di importare in una sola mossa le tracce di un long-playing in vinile (ma anche di un 78 giri) sul proprio computer, pronte per essere trasferite su un lettore mp3 o per essere masterizzate su cd.

Il nuovo giradischi è venduto con un semplice software che consente anche di eliminare eventuali rumori e fruscii di sottofondo dovuti ai graffi degli Lp. E’ sufficiente cliccare sul tasto “record” e mentre il disco viene riprodotto dalle casse del pc, ciascuna traccia viene archiviata automaticamente sull’hard disk in un file a sè.

Semplice vero? E’ comunque bene sapere che qualsiasi processo di digitalizzazione del segnale peggiora la qualità del suono. Anche i cd, a parte l’assenza di rumori e fruscii, hanno una “profondità” del suono e una capacità di riprodurre tutte le armoniche molto inferiore rispetto ad un lp in vinile. Ma questo è un altro discorso e chissà se interessa ancora a qualcuno…