area c suono città milano

Le città sono invase dai rumori a tal punto che il nostro orecchio si è abituato ad un sottofondo costante sopra cui scorrono indifferenti le nostre vite. Eppure ogni metropoli ha una suo paesaggio sonoro specifico, spesso solo fastidioso, ma magari anche segno di una unicità ambientale e storica. Qualcuno a Milano lo ha trasformato in un progetto artistico intitolato ‘Audioscan. The Sound of the City’.

Ideato da Giorgio Sancristoforo, prodotto dall’audioofficina AGON in collaborazione con Basemental, con il contributo di Comune di Milano, Regione Lombardia e Fondazione Cariplo, Audioscan è una installazione interattiva basata sulla mappatura sonora dell’intera città di Milano. In pratica sono state campionate tutte le 1580 vie e piazze contenute all’interno del perimetro della circonvallazione esterna della metropoli lombarda.

L’opera di catalogazione scientifica, oltre che una operazione di incontro e scambio tra arte contemporanea e musica, vuole essere un progetto di sensibilizzazione ambientale attraverso la trasformazione di un prodotto di scarto della società tecnologica, il rumore, in un’opera d’arte. Un modo per meditare sulla dimensione uditiva dell’esperienza umana, sia dal punto di vista estetico, che di benessere sociale.

Attraverso un video comandato da un pannello touchscreen, è possibile navigare sulla mappa di Milano ascoltando i suoni di ogni singola via e visualizzare alcuni dati di analisi (pressione sonora e sonogrammi). Inoltre, i rumori elaborati in loop musicali possono essere miscelati liberamente dallo spettatore trasformando Milano in uno strumento musicale il cui suono è anche visualizzato in forme grafiche.

L’installazione è esposta al Palazzo Reale di Milano fino al 30 maggio 2010 e sarà anche accompagnata un concerto di live electronics, con musica interamente prodotta con i rumori trasformati della città composta e suonata da Giorgio Sancristoforo e Giuseppe Cordaro. Il progetto si completa con il libro+cd “Audioscan. The Sound of the City – Il suono della città” (Ed. postmedia books) in cui oltre alle registrazioni vengono proposte considerazioni e punti di vista inediti sul rumore che accompagna le nostre vite.