icerberg mare

Qualche tempo fa la rivista americana ‘Science’ ha riportato uno studio realizzato da un gruppo di ricercatori tedeschi sul ‘canto’ emesso dagli iceberg. Queste vere e proprie ‘montagne di ghiaccio’ dell’Antartide, producono suoni con frequenze molto basse che l’udito dell’uomo non è in grado di percepire.

Ciò non ha comunque fermato la curiosità degli studiosi. Accelerando i nastri delle registrazioni degli iceberg, gli scienziati dell’Istituto Alfred Wegener per la ricerca marina e polare di Berlino hanno potuto ascoltare una serie di rumori simili a quelli prodotti da uno sciame d’api e a quelli di una orchestra di musica classica che accorda gli strumenti. E’ l’azione dell’acqua che penetra le fessure degli iceberg ad alta pressione, a generare questi effetti musicali. Per la registrazione di questi suoni gli scienziati hanno posizionato particolari sensori su alcuni iceberg del sud Atlantico.

Gli studi hanno anche rivelato come i movimenti e gli impatti degli iceberg siano i veri responsabili delle scosse sismiche che si registrano in Antartide. Negli ultimi anni alcuni dei più grandi iceberg del mondo stanno andando in frantumi. L’ultimo in ordine di tempo è l’iceberg denominato B17B, che fino al 2009 ricopriva una superficie di 140 chilometri quadrati, grossa circa come tutta la città di Bologna e che si è spezzato in centinaia di frammenti. Si tratta di fenomeni rari ma che potrebbero aumentare con il riscaldamento globale.