louvre parigi

Quali sono i musei più belli da visitare? Difficile dare una priorità, meglio affidarsi ai gusti dei turisti pronti a stilare una classifica dei migliori musei al mondo da consultare direttamente sul sito di viaggi e vacanze TripAdvisor.

La prima posizione è per l’Art Institute of Chicago (secondo museo d’arte degli Stati Uniti) che vanta capolavori dell’Ottocento francese, primo fra tutti il famoso quadro ‘Una domenica pomeriggio sull’isola della Grande-Jatte’ di Seurat, a seguire il National Museum of Anthropology a Mexico City dove ammirare le opere del periodo pre-colombiano, mentre al terzo posto c’è la Russia con l’Hermitage a San Pietroburgo custode tra gli altri del famoso quadro di Caravaggio ‘Suonatore di Liuto’ e della ‘Madonna Litta’ di Leonardo.

E i musei italiani che fine hanno fatto? Per trovare il primo bisogna scendere al quinto posto dove finalmente ci sono le Gallerie dell’Accademia di Firenze con l’immagine del David di Michelangelo in prima fila… A seguire altri musei, altri siti fino ad arrivare alla diciottesima posizione con la Galleria Borghese di Roma custode delle sculture del Bernini tra cui ‘Apollo e Dafne’ e dei quadri di Caravaggio primo fra tutti il ‘Fanciullo con Canestro di frutta’.

Da segnalare il quarto posto assegnato al Jean Paul Getty Museum, il museo d’arte a Los Angeles che annovera importanti opere d’arte italiane come la tavola dorata de ‘L’incoronazione della vergine’ di Gentile da Fabriano, la splendida ‘Adorazione dei Magi’ del Mantegna e una delle versione di ‘Venere e Adone’ dipinta da Tiziano.

Il museo d’Orsay di Parigi, tempio dell’Impressionismo, è al sesto posto seguito dal Metropolitan Museum of Art di New York con più di due milioni di opere d’arte e dal Museo dell’Acropoli di Atene. Madrid con il Museo del Prado è al nono posto mentre al decimo c’è il Monumento di estremo impatto emotivo in memoria dell’Olocausto Yad Vashem fondato nel 1953 a Gerusalemme. Infine il Museo nazionale della Seconda Guerra Mondiale di New Orleans è all’undicesimo posto, ma una domanda è d’obbligo: forse ci sono troppi statunitensi tra gli utenti di TripAdvisor?