candele compleanno

Happy Birthday to you? Se per qualcuno Tanti Auguri a te è solo una semplice canzone da cantare in famiglia o tra amici al compleanno, per qualcun altro può essere un affare da 2 milioni di dollari all’anno. Ecco perchè attorno ad ‘Happy Birthday‘ è da sempre in atto una battaglia legale tra gli eredi degli autori che continuerà ancora per qualche tempo.

“Happy Birthday” fu scritta a fine ottocento dalle maestrine Patty e Mildred Hill (leggi articolo). Successivamente le royalties vennero incassate dalla fondazione Hill presieduta dal nipote che scomparve nel 1992 lasciandole in eredità all’Associazione per l’Educazione Infantile (ACEI). Ma ecco che, come in un libro giallo che si rispetti, entra in gioco anche l’infermiera 52 enne Muriel Wright, la quale, oltre ad avere assistito il nipote nei suoi ultimi anni di vita, sembra si sia intascata pure il bottino.

Che non sarebbe niente male: ogni volta che Happy Birthday to you, uno dei brani più popolari al mondo, viene eseguito in tv, cinema, teatri o in qualsiasi luogo pubblico, la Hill Foundation insieme alla Warner Music che dal 1998 detiene le edizioni, incassano piccole somme che moltiplicate per milioni di esecuzioni all’anno in tutto il mondo, si traducono in una rendita annua di 2 milioni di dollari.

I diritti di utilizzo di un brano durano per tutta la vita dell’autore fino a 70 anni dopo la sua morte, quando l’opera cade in pubblico dominio ed è liberamente utilizzabile senza autorizzazione e senza dover più corrispondere compensi per diritto d’autore. Il copyright di “Happy Birthday” in Europa scade 31 dicembre 2016, mentre negli Stati Uniti, la canzone passerà al dominio pubblico nel 2030.