Come nascono i gusti musicali, da cosa dipendono e come cambiano con il tempo? Le influenze che modellano le nostre preferenze dalla nascita all’età adulta, a seconda delle esperienze personali e sociali, e delle tendenze culturali del momento

La musica è una costante nella vita di molti, un compagno che ci segue nelle varie fasi dell’esistenza, mutando insieme a noi. Ma i gusti musicali non sono statici. Nascono, si sviluppano e cambiano man mano che cresciamo, influenzati da una miriade di fattori personali e culturali. Da giovani si ascoltano le canzoni di tendenza, ma esiste un preciso momento in cui ci si ferma su determinati generi e artisti.

Quali dinamiche seguono i gusti musicali e perché cambiano con l’età? Al tempo dello streaming musicale le hit si susseguono ad un ritmo vorticoso veicolate dai social e da milioni di click su Spotify o Youtube. Un successo radiofonico dura un battito di ciglia e subito viene sostituito da un altro tormentone. Ma il gusto personale nella musica è solo una faccenda di mercato o dipende da qualcosa di più profondo quando diventiamo adulti?

Indice

Cosa sono i gusti musicali?

I gusti musicali rappresentano le preferenze individuali riguardo ai generi, agli artisti e alle composizioni musicali. Queste preferenze sono il risultato di una complessa interazione tra fattori personali, sociali e culturali. Non esiste una singola definizione di gusto nella musica, poiché è un concetto soggettivo che varia da persona a persona. Tuttavia, si possono identificare alcuni elementi comuni che influenzano la sua formazione.

In primo luogo i gusti musicali sono influenzati dalle esperienze personali, incluse le esperienze di vita, le emozioni e i ricordi legati alla musica. Ad esempio, un’esperienza emotivamente significativa legata a una certa canzone o genere può plasmare le preferenze di una persona in modo duraturo. Le esperienze sociali giocano un ruolo importante nella formazione di cosa amiamo ascoltare, poiché spesso siamo esposti alla musica attraverso amici, familiari e cultura popolare.

Le tendenze culturali e le influenze esterne sono un altro fattore chiave nella formazione dei gusti musicali. La musica è un riflesso della società in cui viene prodotta, e quindi le preferenze musicali di un individuo possono essere condizionate dalle tendenze dominanti del momento e dalla cultura popolare. Durante determinati periodi storici o in determinate regioni geografiche, inoltre alcuni generi possono essere più diffusi o apprezzati rispetto ad altri. Anche l’evoluzione dei supporti musicali e le modalità di ascolto hanno un ruolo.

L’infanzia e le prime melodie

Durante l’infanzia, i gusti musicali si sviluppano in modo fondamentale attraverso le prime esperienze uditive. I bambini sono particolarmente ricettivi ai suoni fin dai primi mesi di vita e ancora prima nella pancia della mamma. Le melodie che sentono durante questo periodo hanno un impatto duraturo sul loro sviluppo musicale. Ninne nanne e melodie giocose contribuiscono a creare un legame emotivo con la musica fin dall’età più tenera.

Le prime esperienze musicali sono spesso associate a momenti di gioia, comfort e connessione emotiva con i genitori e altri membri della famiglia. I bambini sono anche esposti alla musica attraverso programmi televisivi, film e giochi interattivi. Queste forme di intrattenimento spesso includono colonne sonore o canzoni originali che catturano l’attenzione dei giovani spettatori e contribuiscono a plasmare i loro gusti musicali.

La familiarità e la ripetizione sono elementi chiave in questa fase, poiché i bambini tendono ad apprezzare le melodie che conoscono e riconoscono. In questo periodo si iniziano a prendere anche lezioni di musica o a partecipare a attività musicali di cori o gruppi strumentali. Queste esperienze possono influenzare i gusti musicali, introducendo nuovi generi, stili e strumenti. Suonare durante l’infanzia contribuisce a sviluppare un’apprezzamento più profondo per la musica e a stimolare la creatività e l’autostima.

I gusti musicali dell’adolescenza

Durante l’adolescenza e i primi anni della giovinezza, i gusti musicali subiscono spesso una fase di grande fermento e sperimentazione. I giovani sono particolarmente sensibili alle influenze del loro ambiente sociale e culturale, e questo si riflette nei generi musicali che scelgono di ascoltare. L’ascolto delle canzoni diventa un modo per esprimere la propria identità e per identificarsi con gruppi sociali specifici.

Uno dei fattori chiave che influenzano i gusti musicali degli adolescenti è la pressione dei pari. Ragazzi e ragazze tendono ad essere fortemente influenzati dalle preferenze musicali dei loro coetanei e cercano spesso di conformarsi ai gusti dominanti all’interno del loro gruppo sociale. Questo può portare a una sorta di omologazione, con molti giovani che scelgono di ascoltare la stessa musica di tendenza per sentirsi accettati e integrati.

Il rapporto tra musica e adolescenza è comunque vario, fatto anche di esplorazione, scoperta, appartenenza e differenziazione. I gruppi musicali e gli artisti che i ragazzi scelgono di ascoltare diventano parte integrante della loro identità e della loro espressione individuale. Durante questo periodo, è comune vedere ragazzi passare da un genere all’altro nel tentativo di trovare ciò che meglio rispecchia il loro stato d’animo e la loro visione del mondo.

I gusti musicali dei giovani

Con il passare degli anni il rapporto tra giovani e musica tende a stabilizzarsi, anche se rimane soggetto a cambiamenti ed evoluzioni graduali. Le esperienze vissute durante l’adolescenza continuano a influenzare le preferenze musicali, ma vengono integrate da nuove influenze, amicizie, esperienze di vita e tendenze culturali del momento. Durante questo periodo, molti individui si dedicano alla ricerca attiva di nuovi artisti e generi musicali, sperimentando una vasta gamma di stili e approcci sonori.

Alcuni giovani cercano di distinguersi dagli altri attraverso l’ascolto di generi musicali alternativi o di nicchia, spesso associati a sottoculture specifiche. Questa ricerca di identità può portare i giovani a esplorare una vasta gamma di generi indie, dall’hip hop al rock alla musica elettronica underground, alla ricerca di suoni che rispecchino la loro individualità e le loro aspirazioni, che possono riguardare anche le questioni sociali del momento.

Molte band e artisti emergenti affrontano temi legati all’identità, alla politica e alle questioni sociali, attirando l’attenzione dei giovani che cercano musica che rispecchi le loro preoccupazioni e valori. Questa sensibilità alle questioni culturali può portare i giovani a essere più aperti all’ascolto di generi musicali diversi e a sostenere artisti che promuovono messaggi che li toccano personalmente.

I gusti musicali degli adulti

Nell’età adulta, i gusti musicali spesso subiscono una certa stabilizzazione, ma rimangono comunque suscettibili a cambiamenti ed influenze esterne. Gli adulti tendono ad essere più selettivi nelle loro scelte musicali, privilegiando la qualità e la profondità delle composizioni rispetto alla semplice popolarità. La musica rimane un mezzo attraverso il quale esprimiamo chi siamo o chi desideriamo essere.

Molte persone in questa fase della vita si rivolgono a generi musicali che riflettono i loro interessi e le loro esperienze, che possono essere più sofisticati e diversificati rispetto a quelli ascoltati durante l’adolescenza e la giovinezza. I gusti musicali possono riflettere la nostra personalità e i cambiamenti nella vita, come nuove relazioni, carriere, o persino la paternità, e possono adattarsi per rispecchiare i nuovi valori e priorità.

Nell’età adulta c’è una maggiore apertura verso generi musicali che in passato siamo o trascurati, e si può trovare piacere nell’esplorare nuove sonorità, artisti o compositori. Questo periodo è spesso caratterizzato da una maggiore riflessione e da una ricerca di significato più profondo, che nella musica può portare a una maggiore diversificazione del gusto e a una maggiore apertura mentale verso forme di espressione musicale più alte.

Generi musicali per ogni età

A proposito di evoluzione dei gusti musicali con l’età, una ricerca svolta dall’Università di Cambridge pubblicata nel 2013 sul Journal of Personality and Social Psychology ha scoperto che ogni fase della vita ha i suoi generi preferiti. Gli anni dell’adolescenza, intensi, di manifesta ribellione o aggressività (punk o metal), poi diventano più contemporanei (pop e rap). Solo nella prima età adulta si diventa più riflessivi e dolci (folk) o sofisticati (jazz o classica) in funzione di nuove relazioni e valori familiari.

Echo Nest ha studiato l’andamento degli ascolti medi riferiti a genere, età e profilo demografico. Prima dei 20 anni nei ragazzi domina la musica mainstream più popolare e di tendenza, mentre i gusti musicali sembrano maturare e stabilizzarsi solo dopo i 30 anni, con grandi differenze tra uomini e donne. Se nell’adolescenza l’ascolto di musica pop è simile in entrambi i sessi, negli uomini la voglia di restare aggiornati con le ultime mode musicali termina prima e più velocemente che nelle ragazze.

Il fenomeno può essere compreso molto bene con dei grafici a spirale. Nel primo qui sotto (fig.1) , la popolarità degli artisti degrada dal centro all’anello più grande, mentre sulla circonferenza è indicato l’incremento dell’età in senso orario. Gli adolescenti sono vicini al centro del grafico.

Gusti musicali cambiano con età
Fig. 1 – Gusti musicali ed età

Con l’aumentare dell’età i gusti musicali si stabilizzano, concentrandosi sulla musica meno popolare. Ciò avviene più velocemente negli uomini che non nelle donne (fig. 2), che con l’avanzare dell’età hanno una discesa costante di interesse nei generi di tendenza tra i 13-49 anni.

Come cambiano gusti musicali con età in uomini e donne
Fig. 2 – Gusti musicali uomini e donne

Infine è interessante notare come cambiano i gusti musicali quando si hanno i figli. I gusti musicali dei genitori cambiano rapidamente (fig. 3). Le giovani mamme e papà smettono subito di seguire le mode. È proprio vero: quando arrivano i figli, la musica davvero cambia…

Come cambiano gusti musicali quando si diventa genitori
Fig. 3 – Gusti musicali dei neo genitori

Articolo precedenteBias cognitivi: cosa sono, esempi e difesa
Articolo successivoFormiche in casa: cause e soluzioni
Autore: Fulvio Binetti
Fulvio Binetti, fondatore di Bintmusic.it, è un imprenditore online, musicista, produttore e esperto di comunicazione digitale. In qualità di blogger, condivide approfondimenti su musica, cultura e lifestyle. Da oltre tre decenni collabora con le principali realtà del campo audiovisivo, discografico ed editoriale, dove si è distinto nella produzione di canzoni e colonne sonore per tv, radio, moda, web ed eventi. Per saperne di più leggi la biografia o segui i suoi profili social.