google music timeline

Come noto i motori di ricerca e le app online dispongono di grandi dati sulle nostre abitudini, ma non è detto che qualche volta li possano usare anche in modo costruttivo. E’ il caso ad esempio di Google con il suo Music Timeline.

Utilizzando i dati dalle persone che hanno caricato i brani di Google Play Music, questo strumento grafico è infatti in grado di fornire l’andamento delle tendenze musicali nel corso dei decenni. Ogni striscia di questo particolare grafico infatti rappresenta un genere, mentre il suo spessore indica come la sua popolarità cambia nel corso degli anni. Essendo i dati basati sui brani posseduti dagli utenti nella loro libreria musicale ovviamente non c’è da aspettarsi nulla di scientificamente esatto al 100%, ma la Google Music Timeline fornisce comunque un’idea incredibilmente efficace per seguire mode e andamenti dell’orecchio del pubblico nei decenni, anche perchè contemporaneamente cliccando su un genere vengono mostrati tutti i sottogeneri con gli album e gli artisti che hanno fatto la storia della musica in ogni periodo.

Cominciando dal 1950 è l’onda del jazz che comanda tra Easy Listening, Folk e country; poi arrivano il pop e i rock, il metal e negli anni ’80 l’hip hop che è uno dei pochi generi in crescita mentre il rock continua la fase di decrescita di ascolti e quindi pubblico iniziata circa nel 1980. Altra cosa assolutamente incredibile dello strumento è la facilità con cui è possibile verificare la popolarità e la traiettoria della carriera di un artista: Se nel form in alto a destra scrivete un nome qualsiasi di un cantante, vedrete tutte le sue fasi di maggiore o minore popolarità e la sua biografia, mentre cliccando sugli album potrete leggere ulteriori informazioni e ascoltare samples dei brani. Davvero non male!