Premessa molto ‘materiale’: in un mondo che sforna nuovi prodotti e beni di consumo alla velocità della luce, il povero cd è ovvio che se la veda brutta. Per le nuove generazioni non è più oggetto di desiderio, ma forse non lo è mai stato – lo furono i dischi in vinile – e il colpo finale è arrivato dai cd masterizzati: come fai a desiderare una cosa, se in 5 minuti puoi farne una copia identica con meno di 2 euro?

Probabilmente se esistesse il duplicatore molecolare – quello dei fumetti di Paperino – anche le scarpe di Prada o una Ferrari fiammante farebbero fatica a conservare, agli occhi degli amanti del genere, ‘quel non so che’ di misterioso…

“Ma come”, direte voi, “il cd è solo un contenitore, l’importante è quello che c’è dentro, non puoi mettere sullo stesso piano la musica e le scarpe”. Vero. Però le case discografiche, nel momento in cui investono milioni di euro per il lancio di un disco, per il look o un videoclip di un loro artista, si affidano agli stessi maghi della comunicazione e del marketing che il giorno prima si occupavano di polacchini e mutande con un unico obbiettivo: colpire l’immaginario collettivo e dare un quid in più al prodotto…

Ecco allora che la notizia pubblicata sulla rivista americana di economia e lifestyle Forbes, secondo la quale gli U2 hanno stipulato un accordo con la Apple per il lancio del nuovo album, forse ha poco a che fare con la musica – intesa come note e plettro – ma molto con quel “quid in più”. E chi meglio dell’iPod, il simpatico lettore di formati digitali e già oggetto di culto (anche perchè costa qualche centinaio di euro), può contribuire a tenere alto il mito di Bono & C?

Così il 23 novembre, in contemporanea con il lancio del nuovo album “How To Dismantle An Atomic Bomb”, la Apple metterà in vendita l’iPod “U2 Edition”, una “Special Edition” del lettore Nera e con al suo interno precaricato l’ultimo LP e una parte dei brani della storia artistica degli U2. Oltre all’iPod “su misura”, la band ha strappato un accordo molto favorevole sulle royalties alla Apple, che distribuirà in esclusiva per un periodo di tempo le canzoni del nuovo album su iTunes Music Store.