generi musicali più diffusi

La parola genere musicale è definitivamente tramontata con l’arrivo delle playlist? Prima ancora di capire se le vecchie definizioni musicali oggi hanno ancora senso, vediamo com’è cambiata nel tempo la popolarità dei generi musicali più diffusi in Italia su Google

I generi musicali più diffusi servono ancora a descrivere la musica che ascoltiamo? E’ innegabile come oggi la parola ‘genere’ sia un pò in disuso. In un’epoca in cui è possibile ascoltare in streaming liberamente e con facilità cataloghi di milioni di brani, sembra che il compito di definire i contorni del linguaggio musicale sia stato affidato alle playlist.

Una volta i generi musicali più diffusi non definivano solo gusti musicali, ma anche tribù di appartenenza e personalità dei fans. Oggi esistono tanti altri indicatori di ciò che le persone sono o vorrebbero essere e dai generi musicali siamo passati alle raccolte di brani. E le canzoni non servono più per ‘essere’ qualcuno, ma per ‘fare’ qualcosa: fare sport, cene con gli amici, conquiste e via dicendo. Tutti i servizi di streaming, da Spotify a Beats passando da Google, insistono molto sull’argomento. Ci tengono a sottolineare le differenze con la concorrenza proprio per come suggeriscono i brani nelle playlist. Per scoprire i nostri gusti c’è chi utilizza sofisticati algoritmi, chi esperti più o meno virtuali.

Chi suggerisce nuova musica

Questa è una grande novità. Fino a qualche anno fa le canzoni venivano suggerite dall’amico del cuore e non da un algoritmo. C’è chi sostiene che in questo modo i numeri oggi contano più delle persone. In realtà il rapporto tra musica e marketing è sempre esistito, forse un pò meno spietato di oggi. Sta di fatto che prima di internet si diventava grandi scegliendo un genere musicale di riferimento.

Dall’artista al pubblico Attraverso la casa discografica la canzone finiva nel negozietto di dischi sotto casa. Un bugigattolo dove maneggiando cd o vinili si incontravano persone che condividevano gli stessi gusti musicali e tanti riferimenti culturali, sociali e politici. Difficile che lo stesso senso di appartenenza si ripeta oggi navigando online da soli davanti ad un computer in una stanzetta.

Su internet tutto viene consumato con voracità. Il rischio del multitasking è perdersi tra milioni di brani in streaming, ascoltando superficialmente o con curiosità morbosa in attesa del prossimo meme virale del Rovazzi di turno. Certo il concetto di condivisione è ancora ben presente nelle playlist, ma l’importanza dei generi, anche a livello di mercato, rimane oggi solo per le nicchie.

Generi musicali più diffusi su internet

generi musicali più diffusi su google trends

La rivoluzione digitale ha cambiato tutto in pochissimi anni. Il fenomeno è abbastanza recente ed è interessante servirsi di Google Trends per capire come siano cambiate in Italia in poco più di un decennio le ricerche degli utenti su internet relativamente ai generi musicali più diffusi. Il grafico sopra mostra cosa è successo dal 2004 ad oggi.

Il fatto che le ricerche sui generi musicali più diffusi siano tutte in calo più o meno marcato vorrà pure dire qualcosa. Ma perdono di importanza i generi o cala l’interesse per la musica? Il dubbio è lecito, ma la prima ipotesi probabilmente è quella giusta. Cercate su Google la chiave Vasco Rossi e scoprirete come ci sono cose che anche nell’era di internet non tramontano mai.