fondazione prada di milano

La nuova sede della Fondazione Prada ha trasformato un’intera zona nella parte sud di Milano. Dove prima c’era una vecchia distilleria ora si possono ammirare opere d’arte contemporanea, assistere a proiezioni di film, conferenze, partecipare ad attività educative per bambini e concedersi una pausa in un bar chic dal gusto retrò.

Diciannovemila metri quadrati di progetto architettonico di tipo conservativo sviluppato dallo Studio OMA guidato dal famoso architetto olandese Rem Koohlaas amico e collaboratore di Miuccia Prada da diversi anni. L’idea è stata ristrutturare i sette edifici pre-esistenti mantenendo lo stile della fabbrica dei primi del Novecento e creare tre nuove costruzioni (Podium, Cinema e Torre in via di completamento) che in qualche modo dialogano con le presenti.

In programma ci sono una serie di progetti ed esposizioni di opere del XX e XXI secolo della Fondazione Prada: dalle installazioni permanenti (i due lavori di Louise Bourgeois e il documentario concepito da Roman Polanski per la Fondazione sono un esempio), alle mostre temporanee e rassegne cinematografiche negli spazi appositi creati all’interno della vasta area. Inoltre è possibile partecipare alle attività educative dell’Accademia dei bambini, un progetto sviluppato in collaborazione con 18 studenti dell’École nationale supérieure d’architecture de Versailles.

E poi c’è il caffè situato proprio nell’edificio d’entrata, anche questo studiato su misura dal regista di culto Wes Anderson, quello di Grand Budapest Hotel. Si chiama Bar Luce e appare come un tipico locale storico milanese (le decorazioni alle pareti e al soffitto riprendono quelle presenti nella Galleria Vittorio Emanuele) con un arredamento chic che ricorda i film italiani degli anni Cinquanta e Sessanta. Le ampie vetrate, i tavoli e sedie in formica dai colori pastello e un grande bancone in stile completano l’opera con una scelta di dolci della pasticceria Marchesi per una colazione/merenda di qualità, mentre per il pranzo sono previsti salumi, formaggi e sfiziosità sott’olio anche per l’aperitivo.

L’appuntamento è in Largo Isarco 2, facilmente riconoscibile anche da lontano per chi arriva da P.ta Romana percorrendo C.so Lodi fino in cima al ponte della ferrovia: l’edificio color oro spicca all’interno del complesso. L’ingresso alla cittadella e l’accesso al bar e ad alcuni spazi come quello per bambini e alla biblioteca è gratuito, mentre per una vista all’intera Fondazione Prada con esposizioni permanenti e temporanee il costo è di 10 euro. Altre informazioni su mostre, proiezioni ed eventi in programma direttamente sul sito della Fondazione Prada.