fitness in acqua

I benefici del fitness in acqua sono molti. A ritmo di musica, con attrezzi o a corpo libero tutto è concesso. Tanti sono gli esercizi ma importante è fare attività fisica. Anche camminare al mare o in piscina è un buon allenamento

Il fitness in acqua piace. In compagnia diventa un momento divertente per cambiare ritmo. Il contatto con l’acqua favorisce un naturale rilassamento mentre il movimento scarica le tensioni. Non a caso dalla versione tradizionale del primo acquagym apparso in Italia, negli ultimi vent’anni molto è stato fatto. Diverse sono le attività sportive che si adattano alla dimensione acquatica, mentre l’evoluzione tecnologica si impegna a fornire macchinari sempre più sofisticati per supportare gli allenamenti.

Gli esercizi del fitness in acqua sono molti. Dai tradizionali pesi da applicare alle caviglie e braccia per fare più fatica (Acquafin), ai modelli di cyclette acquatica (Hydrobike) e step di ultima generazione (Acquastep). Ma l’interpretazione più aggiornata del fitness in acqua è il Boxing Splash. Un allenamento ad alta intensità che mima tecniche di kick boxing a ritmo di musica. La fatica c’è, inutile negarlo. Calci, pugni e salti fanno parte del gioco, non esiste tregua. La coordinazione è l’arma vincente. Il movimento gira attorno alla classica palla boxe rivisitata per l’occasione (Sparringball) che obbliga a continui spostamenti.

Niente paura, tutto si svolge in sicurezza. E’ il divertimento che guida l’interna performance. Nel frattempo si dimagrisce e il corpo diventa più tonico. Come dire che in acqua tutto è possibile, anzi di più.

Vantaggi fitness in acqua

L’uomo nasce in un ambiente liquido ed è fatto per la maggior parte di acqua. L’organismo dovrebbe sentirsi a proprio agio a contatto con questo elemento. Ma c’è di più. L’acqua infatti attutisce i movimenti e ci protegge. Non a caso la maggior parte dei traumi sportivi colpiscono le articolazioni per i traumi dei piedi su una superficie dura, così nella corsa come negli esercizi di aerobica.

Lo stesso per i muscoli, le caviglia, le ginocchia e le articolazioni dei fianchi oltre che la colonna vertebrale. In acqua la forza di gravità è minore, siamo più leggeri e i movimenti si sciolgono. Anche la mente è rilassata e prepara il corpo a dare il meglio di sè. Il risultato regala una sensazione di appagamento completo e di benessere diffuso.

Benefici allenamento in acqua

L’acqua come elemento fluido genera attrito, quindi ci obbliga a consumare. Nello stesso tempo svolge un naturale massaggio su tutto il corpo. E persino la differenza della temperatura (fuori e dentro l’acqua) si rivela un valido stimolo per la circolazione. Mentre aumenta il carico energetico necessario per muoversi. Ecco che quasi senza rendersene conto si moltiplicano il numero di calorie bruciate.

Nel fitness in acqua i benefici sono globali. I risultati non tardano ad arrivare. A livello mentale si scaricano le tensioni mentre il fisico si asciuga, in piscina come al mare. In quest’ultimo caso l’unica accortezza è verificare che il fondo del mare sia compatto nel caso si voglia camminare o correre. Bisogna considerare la profondità quando si decide di fare fitness in acqua. E’ una variabile da valutare attentamente, in rapporto al tipo di esercizio da eseguire. L’allenamento in acqua o water-fitness ha una serie di pratiche da eseguire con o senza il supporto di personale esperto (dipende dalla complessità dall’allenamento).

Attività fitness in acqua

In acqua si possono svolgere tante attività anche semplici. Immersi totalmente galleggiando o mentre si cammina dalla vita in giù si possono fare saltelli da abbinare con movimenti delle braccia. Da sfruttare è l’attrito dell’acqua e la respirazione che aiuta a coordinare i gesti. Dal semplice esercizio di camminare (Acquawalking) alla versione Yoga (Woga) o Pilates (Acqua Fit Lates). I principi sono sempre gli stessi, cambia l’ambiente in cui si esercitano.

Eventuali attrezzi possono facilitare l’allenamento in piscina. Ecco che il tappeto mobile acquatico simile al tapis rouland tradizionale permette di correre e camminare, mentre pesi e galleggianti di diverso tipo svolgono azioni mirate a far lavorare il corpo a zero impatto. L’importante è contrastare quello che può sembrare una pratica noiosa e ripetitiva con una ricetta che mixa diverse tecniche. Il ritmo si adegua.