La scelta degli artisti che parteciperanno a Sanremo 2013 è sicuramente basata sulla qualità, ma ancor più è all’insegna della rottamazione della vecchia guardia. Nessun gran nome storico insomma, ma tutti volti più o meno recenti del panorama musicale.

Avevamo auspicato che il Festival di Sanremo 2013 sotto l’egida di Fabio Fazio e di un direttore artistico del peso e dall’esperienza di Mauro Pagani, fosse all’insegna della buona musica di qualità e che magari coinvolgesse tutti i grandi artisti che rappresentano effettivamente l’italia della canzone nel mondo in tutti i suoi generi, dal pop alla musica d’autore. Non è proprio andata così ma quasi…

Si comincia con Raphael Gualazzi, vincitore di Sanremo 2011 nella categoria giovani, poi c’è la vincitrice di X Factor Chiara, ma ci sono anche Elio e le Storie Tese che già qualche anno fa rischiarono di vincere un Festival con la canzone ‘La terra dei cachi’. Poi un gruppo ‘contro’ come gli Almamegretta, la qualità raffinata di Malika Ayane, il cantautorato di Daniele Silvestri e di Max Gazzè , il rock dei Modà, il jazz di Simona Molinari con Peter Cincotti, il pop di un altro astro di XFactor come Marco Mengoni e ancora il folk di Marta sui Tubi, l’ironia di Simone Cristicchi, Annalisa che esce dal talent show Amici di Maria De Filippi e e l’attrice e cantante Maria Nazionale.

Insomma un mix di generi che non mancherà di fare emergere qualcosa di interessante anche grazie alla nuova formula del Festival 2013: niente eliminazioni e tutti i cantanti potranno presentare due canzoni, in una sorta di miniconcerto che magari consentirà di presentare il loro volto più autentico e meno sanremese. Quanto ai nomi storici della canzone italiana, potranno probabilmente rifarsi presentando delle canzoni al grande pubblico televisivo al di fuori del concorso canoro. Staremo a vedere, anzi si spera, a sentire…