ferrari marchio cavallino rampante

La crisi non sembra sfiorare il mercato delle auto di lusso che in tutta Europa ha mostrato un aumento nel 2010. La Ferrari chiuderà il 2011 con un fatturato in crescita di quasi il 20%

I dati riferiti ai primi nove mesi dell’anno mostrano infatti una crescita del fatturato della casa del Cavallino del 18,9% arrivato a 1,6 miliardi di euro. Significa che a fronte di una classe media che tira la cinghia o fatica ad arrivare a fine mese, 5.165 fortunati nel 2010 si sono comprati una Ferrari nuova di zecca. Se venisse quotata in borsa, la Ferrari che vanta un utile di 330 milioni di euro varrebbe 3,5 miliardi di euro, i due terzi dell’intera Fiat che attualmente vale solo 5,5 miliardi di euro. E le note positive per il gioiello del made in Italy non sono finite perchè nuove prospettive di sviluppo si potrebbero aprire con i nuovi mercati asiatici.

Attualmente le Ferrari si vendono specialmente in Europa (503 auto in Germania e 384 in Inghilterra con crescite percentuali a due cifre sul 2010) e in America (1.436 vetture consegnate con un +14,5%), mentre in Cina nel 2010 sono state vendute 542 vetture. Inoltre sono 50 in tutto il mondo i Ferrari Store che vendono prodotti personalizzati di alta gamma.