Si chiama ECoFriendly Farm la fattoria ecologica che da due anni nel centro di Berlino produce ortaggi, legumi e pesci secondo i principi di un’agricoltura integrata biologica, nel totale rispetto dell’ambiente con un occhio di riguardo allo spreco idrico.

I numeri sono indicativi del volume della produzione annuale di ECoFriendly Farm, la fattoria situata nella zona sud-occidentale di Berlino in un’area di 1800 m2 capaci di fornire 30 tonnellate di legumi e 35 tonnellate di pesce di acqua dolce allevato in apposite vasche che recuperano l’acqua per alimentare le piante. Un circuito di risparmio integrato studiato su misura per far fronte ai problemi ambientali e capace di soddisfare i bisogni alimentari di un parte considerevole di cittadini che gravitano nel quartiere e nell’intera zona.

Km zero, niente pesticidi e antibiotici a favore di un’agricoltura biologica attenta all’aspetto della sostenibilità. Un’idea che ha come fondamento l’esigenza di preservare la salute del nostro pianeta e non solo. A guidare il progetto sono due piccoli imprenditori Nicolas Leschke e Christian Echternacht alle prese con la realizzazione del sogno di fornire alle persone, direttamente sulla soglia di casa, alimenti freschi senza inquinanti.

Come un grande discount alimentare biologico situato nel centro della città, a portata di mano di chiunque voglia anche solo fermarsi per uno spuntino e godersi i piatti pronti al momento: buffet di insalate e verdure senza dimenticare i barbecue con lucci e pesce persico appena pescati.

Inutile dire che i cittadini berlinesi hanno accolto di buon grado tutto il progetto che ruota attorno ai grandi spazi e alla posizione centrale di ECoFriendly Farm, tanto che si fanno strada nuove voci di imprenditori che vogliono adottare il sistema in altre parti del mondo.  Produttori alimentari, ristoratori, albergatori e anche operatori di centrali elettriche o biogas solari si dicono interessati a questo nuovo progetto. Il futuro sono le fattorie urbane?