Sono sulla scena da oltre 30 anni ed ogni loro disco non manca di diventare un appuntamento irrinunciabile per un pubblico variegato che comprende allegri 50 enni fino a giovani in quasi tenera età. Per la loro gioia Elio e le storie tese tornano con il nuovo Album Biango anticipato dall’inedito ‘Complesso del primo maggio’.

Il disco, nono della band (come ‘The white album’ dei Beatles a cui si ispira il titolo per questioni cronologiche e per il colore candido della copertina), contiene 15 nuove canzoni tra cui i due brani ‘Dannati forever’ e ‘La canzone mononota’. Quest’ultimo brano, oltre ad essersi classificata al secondo posto in classifica al Festival di Sanremo ha ricevuto il Premio della Critica, Premio per il miglior arrangiamento, Premio della Sala Stampa a testimoniare ancora una una volta, se ce ne fosse bisogno, la qualità artistica della band che dell’irriverenza e della libera creatività senza barriere fa da sempre il suo segno distintivo vincente.

Al nuovo disco di Elio e le storie tese partecipano come al solito degli ospiti come Area, Eugenio Finardi, Vittorio Cosma, Fabio Treves e Nek, per non parlare di alcuni dei musicisti più noti del panorama italiano come Peppe Vessicchio alla direzione degli archi, Paola Folli ai cori e Demo Morselli, trombettista che ha arrangiato i fiati. Il disco vuole celebrare la buona musica suonata e non a caso un pezzo strumentale è suonato interamente dagli Area, uno dei gruppi molto noti negli anni ’70 con Demetrio Stratos alla voce a cui la band si ispira da sempre.