“Educazione rap” di Amir Issaa è un libro che va oltre la semplice narrazione personale. È un’opera che invita alla riflessione, promuove la comprensione interculturale e offre una nuova prospettiva sull’uso del rap come strumento educativo

“Educazione rap” di Amir Isaa è molto più di una semplice autobiografia; è uno strumento didattico pensato per essere accessibile e rilevante per i giovani, progettato per educare e connettere le generazioni attraverso la cultura hip hop. Con questo libro il rapper vuole ispirare i lettori di tutte le età a guardare al mondo con occhi nuovi e a credere nel potere delle parole e della musica.

Amir Isaa, figura di spicco della scena rap italiana, racconta la sua storia personale non tanto per offrire aneddoti o spiegare il genere, ma per condividere le lezioni di vita apprese attraverso questa cultura. Il rap diventa così un mezzo per discutere questioni cruciali come il femminismo, l’omofobia, la discriminazione e il razzismo. Attraverso le sue esperienze, Amir illustra come possa essere utilizzato come strumento educativo nelle scuole, permettendo ai giovani di esprimersi e di affrontare temi complessi in modo creativo.

Il libro si rivolge non solo ai ragazzi, ma anche a genitori e insegnanti che desiderano comprendere meglio il ruolo del rap nel mondo dei giovani. Amir evidenzia come spesso esista un divario tra studenti e docenti, con i primi che comprendono profondamente il linguaggio e i temi della musica mentre i secondi faticano a seguirne le sfumature. “Educazione rap” funge da ponte tra queste due realtà, permettendo agli insegnanti di avvicinarsi ai loro studenti attraverso un linguaggio comune.

Nei suoi incontri con gli studenti, spesso sono questi ultimi a spiegare ai docenti termini e concetti di questa musica, creando un’interazione dinamica e coinvolgente. Il rapper sostiene l’importanza di utilizzare metodi educativi innovativi e contemporanei, come quelli che ha direttamente visto applicare negli Stati Uniti, dove la creatività attraverso musica, teatro e cinema viene integrata nel processo di insegnamento.

La trasformazione di Amir da artista a educatore ha influenzato profondamente il suo modo di fare musica. Ogni sua canzone diventa uno strumento didattico, un mezzo per spiegare concetti complessi ai giovani. Ad esempio, il brano “Non respiro”, scritto in seguito all’omicidio di George Floyd, viene utilizzato per parlare del movimento Black Lives Matter, rendendo immediatamente comprensibili i temi della giustizia e dell’uguaglianza.

“Educazione rap” affronta anche la questione della responsabilità dei rapper nel loro uso del linguaggio. Amir racconta un episodio significativo in cui, dopo aver utilizzato un termine offensivo in una canzone, fu avvicinato da un collettivo femminista che lo aiutò a comprendere l’impatto delle sue parole. Da quel momento, Amir adotta un approccio più consapevole e responsabile nella sua scrittura, riflettendo una maturazione personale e artistica.


Articolo precedenteGiganti del web: idee, soldi e potere
Articolo successivoAndrés Segovia: l’uomo e l’artista
Autore: Fulvio Binetti
Fulvio Binetti è un editore online, fondatore di Bintmusic.it, musicista, produttore e esperto di comunicazione digitale. Da oltre tre decenni collabora con le principali realtà del campo audiovisivo, discografico ed editoriale, dove si è distinto nella produzione di canzoni e colonne sonore per tv, radio, moda, web ed eventi. In qualità di blogger, condivide approfondimenti su musica, cultura e lifestyle. Per saperne di più leggi la biografia o segui i suoi profili social.