eco hotel lodge

Eco hotel, lodge e strutture abitative sostenibili con un limitato impatto ambientale. Ecovillaggi per chi vuole vivere una vacanza benessere immerso nella tranquillità della natura senza rinunciare alle comodità e ai confort

Quali sono i principi a cui si ispirano gli eco hotel? Una nuova ventata green si sta diffondendo rapidamente in tutti gli ambiti della vita a causa della crisi climatica globale e si sente sempre più spesso parlare di turismo sostenibile a impatto zero. Per il turista più attento all’ambiente ma che non vuole rinunciare alle comodità e al lusso esiste la possibilità di coniugare relax e limitato impatto ambientale.

Negli eco hotel o lodge il confort è assicurato insieme al privilegio di stare a contatto con la natura in un’atmosfera di pace e tranquillità. Si tratta di complessi abitativi costruiti in armonia con l’ambiente naturale, alimentati da energia alternativa e perfettamente in linea con i principi ecologici di riciclo e compostaggio. Risparmio idrico e energetico da fonti rinnovabili, gestione sostenibile dei rifiuti, alimenti biologici a disposizione, protezione della fauna e flora locale sono solo alcuni delle voci che insegue chi vuole vacanze benessere all’insegna della sostenibilità.

Eco Hotel e bio agriturismi

Gli eco hotel si differenziano dagli eco lodge per il semplice fatto che si trovano in posizioni centrali nelle città e non in posti defilati e lontani dai circuiti turistici. Costruiti secondo i principi della bioedilizia si trovano anche nelle grandi città italiane come Milano e Roma. In Italia è particolare la regione del Trentino ad essere più sensibile e in linea con i principi della ecosostenibilità, a partire dai bio agriturismi forniti di ogni confort in luoghi riservati e masi di montagna tipici che mantengono l’antica struttura caratteristica, agli chalet di charme immersi nei boschi della zona.

Resort e spa sono generalmente parte del pacchetto di soggiorno in ambienti ben curati con zone benessere, design moderno e tecnologie all’avanguardia. Le camere devono soddisfare bisogni estetici, emotivi ma anche etici con la sostenibilità in primo piano, dai materiali costruttivi delle pareti ai materassi in lana bio, fino ai sistemi di filtrazione per acqua e aria. La riduzione dell’impronta ambientale riguarda anche l’utilizzo di appendiabiti, mobili e accessori realizzati in legno e materiale riciclato. Il rispetto per l’ambiente prevede anche prodotti a chilometro zero e personale assunto direttamente nel luogo.

Eco Lodge, lusso nel rispetto

Gli eco lodge sono strutture ecocompatibili per l’accoglienza di turisti presenti in tutto il mondo, principalmente rivolti a un pubblico alla ricerca di qualità e lusso. Come concezione si avvicinano a gli hotel ecologici ma si differenziano per la posizione immersa in un paesaggio incontaminato della natura che lo circonda. Un esempio in Italia è l’ecolodgelanghe, costruito secondo i principi ecosostenibili: posizionato a 3 metri di altezza dal suolo, gode di una serie di rifiniture e accorgimenti tecnici, tra cui l’impianto fotovoltaico e l’uso di materiali senza solventi chimici, che ne assicura un modello di sostenibilità.

Una variante lussuosa e romantica con vista mare è l’ecolodge segreta dell’Isola Rossa che si trova nella zona dell’Argentario in Toscana, in cui anche l’elettricità, proveniente da celle solari, ha un concetto diverso, per chi proprio non può fare a meno di smartphone e pc anche dormendo tra candele e antichi mobili indonesiani. Fuori dall’Italia le possibilità si moltiplicano, dalle Isole Isole Fiji al deserto del Kalahari in Sud Africa, fino in Australia, dove è facile trovare abitazioni immerse in meravigliosi paesaggi incontaminati.

Eco Villaggi tra borghi e comunità

Ma anche chi non vuole prendere l’aereo, magari per questioni ambientali, ha a disposizione molte soluzioni per scoprire le bellezze italiane. Chi desidera l’isolamento oppure vuole una dimensione più familiare e discreta, può disporre di una serie di servizi e comodità anche in antichi ecovillaggi e borghi dimenticati costruiti in legno e pietra. Si tratta di una realtà ancora poco conosciuta in Italia, che oltre ad alimentarsi di turismo offre una serie di iniziative, corsi e seminari per apprezzare quello che offre la natura.

C’è poi chi si innamora talmente della voglia di vivere insieme ad altre persone che condividono l’amore e il rispetto per la natura, che decide di cambiare vita. In provincia Siena ad esempio è attiva ‘La Comune di Bagnaia’, un progetto storico all’interno degli ecovillaggi italiani, dove la condivisione e l’auto produzione agricola biologica è la base per vivere nel quotidiano in armonia con la natura. Una realtà alternativa di vivere in comunità secondo principi di cooperazione e solidarietà che certo non ha nulla a che vedere con una semplice vacanza fuori dal caos cittadino.

Eco hotel certificati

Certo la parola sostenibilità può riguardare ogni parte degli hotel o solo alcune funzioni energetiche. Ma chi assicura che le strutture sia effettivamente dotate di tutti i requisiti necessari ad una completa sostenibilità ambientale? Come nell’agricoltura biologica bisogna rispettare determinati parametri per potere vendere prodotti bio, così anche nell’accoglienza turistica esiste un ente certificatore a livello internazionale della sostenibilità a livello turistico.

Il Green Globe valuta il livello di impatto degli hotel e di una serie di servizi che offrono le imprese di viaggio secondo determinati standard che tengono conto che tiene conto delle problematiche ambientali, socioculturali e della sicurezza. Oltre alla progettazione sostenibile delle strutture nel rispetto dell’ambiente naturale e culturale, nella valutazione è compreso l’impatto umano e sociale, che preveda ad esempio l’utilizzo di impiegati locali, lo sviluppo delle comunità di imprenditori locali e il commercio equo e solidale. In Italia tra le strutture alberghiere che vantano questo riconoscimento ci sono Starhotels a Milano, Lefay Resort sul Lago di Garda e i Club Med a Pragelato in Piemonte e a Napitia in Calabria.