Il mercato della musica è in crisi e le case discografiche, se non si vendono più cd, devono trovare una alternativa da vendere al pubblico: i dvd musicali sono una soluzione?

Inutile negarlo, la musica sta perdendo il suo appeal sulle masse di consumatori. Oramai nelle case della popolazione media, il ruolo centrale degli impianti hi-fi è stato sostituito da televisori grandi come pareti, lettori dvd sofisticati e impianti home theatre con cui guardare, più che ascoltare. Questa società ha bisogno di mostrare e di qualcuno che stia a guardare. Cosa guarda non importa: film, partite di calcio, eventi sportivi o il compleanno della nonna: tutto va bene perchè sembra che l’esigenza primaria dell’uomo moderno sia spegnere il cervello.

Questo fenomeno, oltre ad avere evidenti ripercussioni studiate dalle scienze sociali, non può che cambiare anche il mercato ed in particolare quello della musica, che per sua natura deve essere ascoltata per esistere. Se non si vendono più cd, evidentemente si possono mostrare le immagini delle rockstar, quindi non stupisce il fatto che tutti i divi del rock si siano lanciati nella realizzazione di dvd musicali con le immagini delle loro performance dal vivo.

La moda dei dvd musicali arriva dagli Usa, ma ovviamente le major non hanno tardato a confezionare film doc di artisti italiani con le immagini dei concerti condite da backstage e momenti di vita privata. Più i concerti sono importanti e più il film sembrano importanti, per cui si è cominciato ovviamente dagli idoli delle folle rock come Vasco Rossi e Luciano Ligabue.

Non è detto tra la’ltro che fare un film doc di un artista minore che si esibisce nei locali di cento persone non possa diventare un’opera d’arte: il problema è pagare i costi di produzione dei dvd. Quindi i piccoli artisti sono esclusi dal sistema. Altro aspetto riguarda quelli che ritengono che vedere i propri beniamini all’opera, al posto di limitarsi ad ascoltarli, possa togliere un pò di spazio all’immaginazione e a tutte quelle sane sensazioni che la musica dovrebbe suscitare anche ad un ascoltatore steso su un divano a occhi chiusi. I record di vendite dei dvd di Ligabue e Vasco Rossi bastano a eliminare tutti i dubbi…