Dolci natalizi italiani tipici

Nomi e ricette di dolci natalizi italiani tipici di ogni regione e altre specialità dal mondo. Come cucinare a casa torte, biscotti, torrone e dessert tradizionali di Natale per dare un tocco personale e goloso al menù delle feste

Dolci natalizi italiani tipici sono pronti ad animare le feste oltre ai consueti panettone e pandoro e al torrone. Il 25 dicembre si celebra la festa più amata dagli italiani e quando ci si incontra a pranzo o cena in famiglia tra parenti e amici, nel menù di Natale non possono certo mancare torte, biscotti, dessert e altre autentiche specialità tradizionali della nonna da gustare tutti insieme a tavola.

I dolci natalizi italiani hanno nomi e ricette particolari che si estendono da nord a sud lungo la penisola. Le specialità gastronomiche tradizionali non riguardano certo solo primi e secondi piatti, ma in particolar modo i dessert, tanto che per i bambini la vera festa di Natale inizia all’ora dei dolci. Dal panettone lombardi al pandoro fino al marzapane pugliese, c’è un vero elenco di dolciumi per golosi grandi e piccini, che anche se non sono proprio indicati nella dieta, non si possono non mangiare nei giorni di festa.

Nomi dolci natalizi italiani

Dal nord al sud della penisola pani speciali di origine contadina dai nomi tipici a base di farina e altri ingredienti si sono imposti come dolci natalizi tradizionali delle feste. I dolci di pane lievitato sono diffusi in tutto il nord Italia, tra cui ci sono gli stessi panettone e pandoro che pure si mangiano in tutta Italia in mille versioni da gran gourmet. La stessa cosa vale per il famoso torrone o il croccante, ma non solo. I dolci tipici di zone possono essere mangiati in zone diverse chiamati con diverso nome.

Poi ci sono i nomi dei dolci natalizi tipici di ogni regione o città come lo Zelten del Trentino Alto Adige, la Crescenzina piemontese, il Pandolce genovese, il Panspeziale bolognese o il Pampepato di Ferrara. Il Panforte è tipico toscano in Umbria c’è la Rocciata in Abruzzo il Parrozzo e nelle Marche il Frustingo. Il Pangiallo e le Zeppole sono specialità del Lazio, mentre la Campania è regina dei biscotti con Mostaccioli e Struffoli. In Basilicata non può mancare in tavola la Cicirata, così come più a sud i Turdilli calabresi e le Cartellate pugliesi. Sardegna e Sicilia chiudono con Pan di sapa e Buccellato. Ma ecco un elenco di nomi di dolci natalizi regionali più o meno completo.

Dolci Nord Italia

  • Bisciola lombarda è un dolce valtellinese di farina di segale che tra gli ingredienti utilizza noci, fichi secchi, uvettae anche miele
  • Tronchetto piemontese è fatto con burro, mascarpone, uova, marroni, panna, cioccolato e brandy. Non esattamente dietetico
  • Gubana friulana è un rotolo di pasta farcito con uva passa, frutta secca e amaretti bagnati di grappa
  • Zelten trentino è un pane dolce confezionato per le feste che utilizza uova, burro, zucchero con frutta secca e spezie
  • Pandolce ligure del genovesato ma non solo e ha tra gli ingredienti anice, uva sultanina, zibibbo, pinoli e frutta candita

Specialità Centro Italia

  • Panspeziale emiliano con uva sultanina, mandorle, cioccolato, mostarda, miele, pinoli e scorza arancio e limino, vino bianco o brandy
  • Panforte toscano viene cucinato con miele , zucchero, canditi, mandorle, nocciole, spezie il tutto ricoperto da ostia fine
  • Bostrengo marchigiano utilizza come base il pane raffermo con frutta e fichi secchi, frutta candita, bagnato da mosto di vino
  • Panpepato umbro ha come ingredienti frutta secca, cioccolato, uva passa, cannella, noce moscata e ovviamente il pepe nero
  • Parozzo abruzzese è una torta fatta di mandorle, zucchero, uova, burro, con una glassa che ricopre fatta di fecola di patate e cioccolato
  • Pangiallo laziale utilizza miele, cioccolato, uva, frutta secca, pinoli, canditi, scorza e zafferano che dona il tipico colore giallo

Biscotti Sud Italia

  • Struffoli campani sono una vera ghiottoneria per i bambini. Si presentano come palline fritte cosparse di miele con canditi e limone
  • Cartellate pugliesi sono dolci antichi e sprogionano un profumo incredibile grazie alla presenza tra gli ingredienti di anice, mosto cotto e cannella
  • Zeppole è un dolce abase di miele ma vengono realizzate in varie regioni del sud ognuna con ingredienti tipici
  • Fichi chini calabri hanno come protagonisti fichi secchi e frutta secca, cedro candito, zucchero, cioccolato, e vino dolce o passito
  • Cubaita siciliana è un dolce tipico croccante alternativo al torrone realizzato impastando miele, sesamo, mandorle e arance
  • Sebadas sarde vengono cucinate con miele, semola, formaggio pecorino e zucchero
  • Zeppole sono dolci natalizi a base di miele ma vengono realizzate in varie regioni del sud ognuna con ingredienti tipici

Ricette dolci di Natale

Per chi ama cucinare, ecco una carrellata di ricette dolci natalizi con foto e video raccontate e descritte passo dopo passo. Sono descritti tutti gli ingredienti per agevolare l’utente nella preparazione di biscotti, torte e specialità varie per il Natale.

Giallozafferano Le migliori ricette di dolci natalizi per allietare le feste tra le tradizioni culinarie più diverse della penisola, dai più tradizionali e rustici ai più fantasiosi e colorati

Buttalapasta Quali sono i migliori dolci natalizi italiani? Ricette e fotogallery per scoprire i segreti della preparazione di dolci tipici con anche possibilità di varianti fantasiose

Mysia Ricette per prepare dolci natalizi italiaini e provenienti da tutto il mondo spiegate in maniera semplice e diretta con una sequenza di immagini esemplificativa passo dopo passo

Dolcidinatale Le feste di Natale non sono un periodo per mettersi a dieta. Lo dimostrano queste ricette di dolci natalizi tradizionali italiani accompagnati da immagini di appetitosi dolci e torte

Cookaround Come cucinare copate, ricciarelli, susamielli? Oppure la torta di riso bolognese, certosino, ciripini, mostaccioli, roccocò, paste di mandorla e molti altri dolci natalizi tipici

Ricettepercucinare La ricetta del panforte, un dolce natalizio che si dice sia nato tra le mani di un bambino la notte di Natale per omaggiare Gesù. Gli ingredienti erano un po’ di pane e qualche mandorla che la benedizione di San Giuseppe trasformarono in uno squisito dolce

Torrone morbido e duro

Il torrone è sicuramente da annoverare tra i dolci natalizi italiani tipici di tutte le regioni e ogni anno compare sulle tavole di pranzi e cene per la felicità di grandi e bambini. Gli ingredienti semplici e genuini della sua antica ricetta lo rendono uno degli alimenti che meglio rappresentano le specificità del territorio italiano, a cominciare da miele e mandorle. Ma in ogni località esistono tante versioni diverse, ognuna con un suo gusto, che marche e produttori piccoli e grandi interpretano con cioccolato, nocciola e pistacchio, canditi e frutta secca. Poi ci sono i torroni artigianali e naturali quasi fatta in casa, morbidi al limone, senza miele e glutine e ovviamente dolci confezionati per il palato e le esigenze dei vegani.

Le origini nel torrone si perdono nella storia, addirittura al tempo dei romani. Di un dolce fatto di miele, albume d’uovo e mandorle si parla già nel primo secolo dopo Cristo. Ma è probabile che dolci simili ai torroni venissero confezionati dagli arabi, che erano i maggiori produttori di mandorle, pistacchi, noci, miele e zucchero. Molti dolci mediorientali utilizzano noci e miele senza uovo, come ad esempio la Halva, dolce simile al torrone confezionato in modi diversi in ogni paese.

Notizie dei primi torroni oltre al medio oriente se ne hanno da Francia e Spagna. La Francia ha il tipico Nougat bianco e nero parte dei dolci tradizionali del Natale provenzale. La Spagna ha il Turrón de Alicante fatto di mandorle tostate. Tanto che l’origine del nome torrone arriverebbe dallo spagnolo turròn abbrustolire. C’è chi sostiene derivi dal latino torrere, ovvero tostare. Comunque ogni paese ha centinaia di ricette diverse, ma fondamentalmente ne esistono due tipi. Il torrone morbido e duro: il primo fatto con il miele e il secondo con lo zucchero.

Ricetta del torrone

Il torrone tradizionale in Italia si fa risalire al XV secolo con i torroni di Cremona in Lombardia. Questo dolce sarebbe stato creato per celebrare le nozze degli aristocratici del tempo, tanto che il campanile della cattedrale di Cremona è detto Torrazzo o Torrione. In questa città tutti gli anni si celebra il dolce con una festa. Ma in Italia oltre al torrone cremonese è famoso quello calabrese, siciliano, sardo e napoletano. Così come esistono molte località famose per la produzione come Alba, Siena e Benevento.

Dissapore Una ricetta da seguire passo dopo passo per capire come si fa il torrone fatto in casa con immagini esemplificative che descrivono tutta la preparazione e gli ingredienti necessari

Giallozafferano Come fare il torrone bianco bianco con una ricetta con tante fotografie che riprendono le varie fasi della lavorazione per avere un risultato assicurato

Buonissimo Il sito non si spreca in parole ma in fatti, le immagini e gli ingredienti di uno tra i torroni più noti

Marche famose e torroni artigianali

Vergani Il Torrone sarebbe nato a Cremona nel 1441, da un dolce di miele, mandorle ed albume d’uovo a forma di Torrione che affianca la Cattedrale della città, offerto al banchetto delle nozze tra Francesco Sforza e Bianca Maria Visconti

Sperlari Marchio leader in Italia tra praline, mostarda e caramelle, nato da un laboratorio artigianale nel lontano 1836 a Cremona

Condorelli Torroncini morbidi di tutti i gusti, torroncini classici e ricoperti di cioccolato. Un’azienda leader con novant’anni di Esperienza

Piemontese Dalla Nocciola Tonda e Gentile delle Langhe si cominciò a produrre il dolce creando un impasto adatto ad accoglierla. Dal primo torrone friabile sono nate poi altre specialità, i tartufi dolci, le torte, le nocciole ricoperte di cioccolato

Casale Il più classico dei torroni, il friabile bianco alla mandorla o alla nocciola, portabandiera della migliore e più antica tradizione di questo prodotto

Pruneddu In commercio con i marchi Pruneddu, Barbagia e Arasulè, il torrone sardo da una ricetta fatta solo con miele sardo, frutta secca, dal colore dell’avorio… e in bocca si scioglie

Benevento Antica tradizione iniziata dalla “cupedia” degli antichi Romani, dolce a base di miele, albume d’uovo, mandorle o nocciole avellane, ben amalgamati e cotti a bagnomaria

Dolci natalizi dal mondo

Alla fine di questa carrellata di dolci natalizi italiani non può mancare un cenno alle specialità per i golosi di tutto il mondo. Partendo dall’Europa, in Inghilterra e Irlanda sulle tavole di Natale non può mancare il Christmas pudding, un dolce compatto realizzato con grasso di animale, zucchero e uova con aggiunta di frutta secca, scorza di arancia e rum. In Francia e nei paesi francofoni spopola la Buche de Noel, un tronchetto augurale farcito di frutta, mascarpone e cioccolata. In Spagna si mangiano i biscotti Polvorones senza uova e con farina tostata con mandorle che si sbriciolano in bocca. Nei paesi del nord come Danimarca, Svezia e Norvegia invece i Cransenkake sono fatti un impasto di mandorle, zucchero e uova.

Al di fuori del nostro continente in Australia il dolce di Natale tipico è la Pavlova, creato in un Hotel nel 1926 e dedicato ad una famosa ballerina russa, fatto di meringa ricoperta di panna, fragole e frutti di bosco. Negli Usa i Mince pies di origine inglesi sono tortine di pasta frolla riempite di frutta secca, marmellata, spezie e grasso animale. I messicani invece hanno le Bunelos de rodilla, frittelle con farina, zucchero, burro, latte e liquore d’anice. Infine il Cile che al pranzo natalizio mette in tavola il Pan de Pasqua, una sorta di panettone con frutta candita, uva passa, mandorle, noci a cui vengono aggiunte scorza d’arancia, cannella. chiodi di garofano e semi d’anice.