Ragazza fa una doccia fredda

Benefici, consigli e controindicazioni della doccia fredda. Come iniziare a bagnarsi con l’acqua fredda, diminuire lo shock termico e lasciare spazio alle sensazioni positive di completo benessere per il corpo e la mente

La doccia fredda è una vera sferzata di energia. Questione di abitudine. Si prova una, due e tre volte e poi si adotta come pratica quotidiana: come resistere al beneficio che può regalare? Certo ci vuole coraggio a girare il miscelatore sul freddo, soprattutto nei mesi invernali, ma la reazione stimolante per la circolazione e rilassante per i muscoli ripaga di qualsiasi sforzo. Il clima caldo e afoso può essere un buon incentivo a provare ma una volta adottata come abitudine difficilmente verrà abbandonata.

La doccia fredda è parte delle pratiche termali ben note sin dai tempi più antichi per la cura di malattie specifiche e per la salute in generale. Sauna e bagno turco prevedono l’alternanza freddo caldo così come il metodo idroterapico ideato dal monaco Sebastian Kneipp noto per ossigenare di tessuti e favorire una maggior resistenza agli stress psicofisici.

Benefici doccia fredda

Ma la doccia fredda fa veramente bene? Bisogna sottolineare che non esistono prove scientifiche sull’efficacia dei suoi principi e anche gli studi sugli effetti cono controversi. Secondo la nota rivista scientifica Plose One risulta ancora impossibile misurare gli effetti sulla salute delle persone. Comunque sembra che il sistema immunitario ne tragga vantaggio indipendentemente dalla durata: 30, 60 o 90 secondi non fa differenza. Altri medici sostengono l’esistenza dei seguenti benefici:

  • Rinvigorisce il fisico La respirazione è più rapida e il cuore accelera i suoi battiti, stimola la circolazione del sangue favorendo le reazioni chimiche che sono alla base di un buon funzionamento del nostro corpo. Diffonde una piacevole sensazione di vitalità e migliora il recupero dopo lo sport riducendo il calore indotto durante l’attività
  • Difese immunitarie Contrariamente a quanto si possa pensare una doccia fredda non fa venire il raffreddore ma anzil’abitudine al freddo rafforza le difese immunitarie impegnate nel quotidiano esercizio di combattere la bassa temperatura, migliorandi la tolleranza al freddo
  • Scarica tensioni Aiuta a rilassare il corpo e la mente regalando una piacevole sensazione di benessere che migliora l’umore senza contare la sua capacità di aumentare la tolleranza del corpo allo stress e alla malattia in generale
  • Antidepressivo Si attiva il sistema nervoso simpatico con un’aumento dell’attivazione di neurotrasmettitori come le endorfine responsabili di quella sensazione di piacere che si verifica praticando sport
  • Aumento testosterone e fertilità. Sembra che favorisca la produzione di questo ormone maschile responsabile dell’aumento di libido mentre si assiste a un aumento dei numero degli spermatozoi vitali
  • Brucia calorie Grazie alla doccia fredda il metabolismo riceve una scossa, si mette in moto e brucia più calorie
  • Pelle giovane e capelli sani Fare la doccia fredda tonifica la circolazione favorendo il ricambio cellulare e la disintossicazione anche a livello superficiale: si chiudono i pori della pelle e i brufoli tendono a scomparire mentre il cuoio capelluto appare più lucido se non addirittura fortificato (efficace contro la caduta dei capelli)
  • Allevia i dolori muscolari Nel caso di contratture, traumi e scottature il ghiaccio si sa è il rimedio principale, più efficace: stesso discorso vale per una bella doccia fredda ghiacciata

Consigli e controindicazioni

Ci sono alcuni consigli che possono migliorare la doccia fredda ed invogliare questa pratica. Prima di tutto è meglio non esagerare, almeno all’inizio. Cominciare gradualmente a stomaco vuoto e mai dopo i pasti. L’ideale è la mattina prima della colazione, possibilmente a intestino libero e in un ambiente riscaldato. L’acqua fredda può essere affrontata anche con brevi spruzzi, poi una volta che il corpo si è abituato sarà difficile farne a meno.

La doccia fredda può diventare anche un allenamento mentale, una sorta di meditazione che dona consapevolezza e controllo sul proprio corpo. Ci si può iniziare a bagnare con acqua tiepida e poi gradualmente passare a quella più fredda (dai 10 ai 21 gradi circa) partendo dai piedi fino ad arrivare al viso e ai capelli. Ma non esistono regole: c’è chi preferisce iniziare e terminare con l’acqua calda, partendo dal viso. Poi se proprio risulta un supplizio si può utilizzare l’acqua tiepida e per gli ultimi risciacqui quella fredda.

Le controindicazioni della doccia fredda sono rivolte a chi ha problemi cardiaci, un sistema immunitario debole, e chiunque non è sicuro che sia un efficace soluzione per il proprio benessere. In questo caso meglio rivolgersi al medico per avere indicazioni sicure. Da evitare nel periodo del ciclo mestruale. Non resta che mettersi alla prova almeno per una settimana e superare con dignità questa sfida, consapevoli dei benefici quasi immediati. Volendo ci si può ispirare a “Iceman”, protagonista di questo video che spiega anche l’importanza della respirazione per aiutare il cervello a fronteggiare gli sbalzi termici.