dizionario

Siete sicuri di conoscere la canzone italiana? Certo, avrete le vostre preferenze e magari saprete già tutto del vostro beniamino, sia esso un De Andrè o un Fabri Fibra. Ma qui stiamo parlando di tutti i protagonisti: cantanti, gruppi, autori e produttori. Se le vostre certezze in merito iniziano a vacillare, ci pensa un libro di fresca uscita, il Dizionario della Canzone Italiana (Giunti Editore) a chiarivi qualche legittimo dubbio.

L’aspetto non inganna. Il libro in questione è un tomo di quasi 500 pagine che contiene circa 600 schede di artisti e gruppi degli ultimi 50 anni, da Domenico Modugno ai rapper dei nostri giorni. Un opera che attraversa il mare della musica italiana nelle sue diverse epoche e generi: dalla musica leggera degli anni Sessanta alle ultimissime realtà hip hop del nostro tempo.

In mezzo c’è un percorso che va dai rivoluzionari complessi beat, ai cantautori storici, fino alla canzone d’autore odierna; ci sono i gruppi della scena Progressive, le mutazioni del pop anni Ottanta e la rinascita del rock nei Novanta. E poi ancora i protagonisti della scena blues, dance, jazz cantato, etnica…

Nei limiti di uno spazio fisicamente disponibile, questo dizionario consente di scoprire e capire i protagonisti di tutta la musica del nostro Paese, con una enorme quantità di informazioni storico-critiche e migliaia di dischi citati. In molti casi le voci sono corredate da discografie complete e da schede di approfondimento sugli album più rappresentativi degli artisti considerati.

Un lavoro di passione e competenza durato anni, curato da Enrico Deregibus, uno dei maggiori esperti di musica italiana del nostro tempo (autore tra l’altro della biografia di Francesco De Gregori “Quello che non so, lo so cantare”) che si è avvalso della partecipazione di un nutrito team di collaboratori, tra cui citiamo Enrico De Angelis, direttore artistico del Premio Tenco.