differenza tra etichetta casa discografica

Vi siete mai chiesti quale sia la differenza tra etichetta casa discografica, come si svolge il lavoro dell’editore, cosa fa il produttore, quanto conta lo studio di registrazione e quale sia l’importanza di tutto ciò per la carriera di un artista? Scopritelo in questa guida

Se vi siete posti la domanda su quale sia la differenza tra etichetta e casa discografica, per curiosità o perchè impegnati in un progetto artistico più o meno professionale  e su come in effetti funzioni il mondo della discografia, subito vi sarete scontrati con dei nomi apparentemente sconosciuti: produttore, editore, etichetta. Il punto successivo è scoprire qual’è il loro scopo e quale importanza hanno queste figure professionali nello scoprire un talento, promuovere un nuovo artista o migliorare la carriera di un cantante già affermato.

Innanzitutto diciamo che contrariamente a quanto si poteva pensare con l’avvento di internet, l’importanza di tutto ciò che gira intorno al pianeta musica – comunicazione – marketing, promozione e via dicendo – al posto di essere diminuito, negli ultimi anni è ulteriormente aumentato. Nell’era dei social è aumentata a dismisura l’offerta di musica – per produrre un disco basta un home studio da pochi soldi – e senza promozione e un adeguato supporto purtroppo anche oggi non si va de nessuna parte.

Etichetta casa discografica editore nella produzione di un disco

Il ruolo dei professionisti che lavorano nella musica con l’andar del tempo e con l’avvento della musica digitale è un pò cambiato, ma rimane fondamentale poichè le fasi per la creazione di un progetto discografico rimangono comuinque sempre le stesse:

  1. Ricerca artistica: chi scopre l’artista raccogliendo materiale, ascoltando provini, organizzando incontri tra musicisti ecc.
  2. Produzione artistica: organizzazione della registrazione in sala, missaggio e mastering del disco
  3. Packaging: progetto grafico, eventuale stampa cd, immagine dell’artista
  4. Distribuzione: fase che consente al disco di arrivare nei negozi sia fisici che digitali per download e streaming
  5. Pubblicità e comunicazione: tutte le operazioni necessarie a fare conoscere la propria musica al pubblico: ufficio stampa ecc.

Il produttore discografico si può occupare della parte 0-1
La casa discografica (o etichetta musicale) della fase 2-3-4
In realtà la casa discografica può occuparsi di tutta la filiera da 0-5
Insomma dipende dai casi, dal potere contrattuale del produttore, dal peso dell’artista e da quanto è il budget complessivo per la produzione musicale

C’è poi una importante figura che è rappresentata dall’editore, che specie nel caso delle major, è una figura che può essere inglobata anche nella stessa casa discografica. L’editore, in cambio di una percentuale sui diritti, si occupa di diffondere il più possibile le proprie canzoni e di farle rendere in termini economici.

Speriamo di essere stati utili per farvi comprendere un pò di più su quali sia la differenza tra etichetta casa discografica. Per avere altre informazioni potete da re un occhio a questa esauriente guida al contratto di edizione e di produzione discografica.