Spettatore televisivo

I dati di ascolto tv e radio sono sempre stati usati per giudicare il successo di un programma radiofonico o televisivo. Si tratta di numeri che possono servire al pubblico di casa per giudicare le trasmissioni e apprezzare l’operato dei conduttori, ma che servono agli sponsor per capire dove investire in spot pubblicitari per raggiungere il numero di telespettatori più elevato a parità di budget.

I dati ascolto tv nascono negli anni ’70 su richiesta dei concessionari pubblicitari ma sono anche lo specchio reale della società. Ciò che piace al pubblico viene interpretato da sociologi e analisti per giudicare abitudini, cultura e stile di vita di una nazione. La quantità di ore di tv guardate al giorno rappresenta i sentimenti di una nazione e ne interpreta i valori sul piano etico, sociale e culturale.

Rilevamento dati ascolto

Per stabilire le tendenze di mercato in materia di programmi televisivi e radiofonici è necessario monitorare con precisione ascolti, profilo degli ascoltatori, luoghi d’ascolto e molto altro. Data l’importanza degli ascolti radio televisivi sul piano economico e sociale, il tema è da sempre motivo di polemica sulle modalità di rilevamento che riguardano gli ascoltatori Rai, Mediaset, così come di tv locali ed emittenti radiofoniche nazionali.

Se su internet in via teorica ogni utente può essere facilmente contato come succede con le statistiche dei siti più visitati, per televisione e radio via etere non c’è la possibilità di sapere con precisione cosa guarda ogni singolo spettatore italiano. Il compito di definire i dati di ascolto radio televisivi in Italia delle trasmissione via etere, satellitare, digitale terrestre dal 1984 è stato affidato ad Auditel.

I dati ascolto tv sono relativi a programmi, break e spot pubblicitari trasmessi dalle emittenti nazionali e locali in Italia. Le rilevazioni riguardano un campione rappresentativo della popolazione italiana formato da circa 15 mila famiglie italiane a cui è stato installato un meter. Questo apparecchio controlla lo stato della televisione accesa o spenta, il canale su cui è sintonizzato e il numero di persone che guardano la televisione.

Dati ascolto etere e online

E’ evidente che quello di Auditel è un metodo di rilevazione dei dati di ascolto che appartiene ad un altra era geologica. Le piattaforme digitali e i nuovi dispositivi stanno cambiando completamente il modo in cui il pubblico fruisce di spettacoli radio televisivi e ingenerale di come guarda e usa i contenuti onlie e non. Basti pensare al ruolo di YouTube o ai nuovi canali in streaming come Neflix per vedere serie tv on demand.

Le piattaforme online e i nuovi dispositivi, se non vengono utilizzati direttamente per accedere ai programmi via internet, sono usati per estendere le esperienze davanti al televisore. Sempre più davanti alla tv ci si collega ad un social per commentare una trasmissione televisiva e partecipare su Twitter o Facebook. La popolarità di uno show televisivo la si giudica oggi anche in base al comportamento online degli utenti.

Alle difficoltà di un rilevamento preciso dei dati di ascolto oggi si aggiunge lo streaming tv che non ha metriche condivise dalle varie piattaforme. I servizi Svod (subscription video on demand) come Netflix, Disney+ e Prime Video forniscono classifiche senza entrare nello specifico dei numeri come ad esempio succede nelle classifiche musicali che usano un sistema di integrazione fisico digitale per stabilire il numero di copie ascoltate o vendute.

Pubblico radio televisivo

Se negli ultimi anni c’è una diminuizione di pubblico di Rai e Mediaset, sono in crescita le ore passate davanti a programmi di tv locali, della pay-per-view e delle trasmissioni in streaming. Secondo una ricerca condotta in Francia da Mediametrie in tutti i paesi europei e d’America, l’Italia con 4 ore e 14′ minuti è uno dei paesi dove si guardano più ore di televisione al giorno. 3 ore e 17 minuti é la media europea e 4 ore e 53′ quella in America.

I minori fruitori di televisione in Europa sono inglesi e francesi. Lasciamo ai sociologi capire se passare ore inermi davanti alla tv influenzi il tasso di felicità e le competenze della popolazione. Dopo la televisione, smartphone, tablet e computer sempre connessi aumentano la dose di fruizione del magico totem luminoso di cui gli italiani non riescono a fare a meno.

Per quanto riguarda la rilevazione dei dati di ascolto della radio ci si basa su un campione di ascoltatori italiani preso in considerazione dalla società di ricerca GfK Eurisko. La rilevazione, precedentemente affidata ad Audiradio, viene fatta mediante sondaggi e interviste su un totale di 120 mila persone che riguardano anche piccole province per le radio locali.

UfficioStampaRai I dati di ascolto relativi al giorno precedente delle trasmissioni rai e di tutte le maggiori reti televisive

Share nazionale Share relativo al giorno precedente per i programmi televisivi nazionali su tutte le reti Rai Mediaset e locali con analisi singole, globali e comparative

Mediaset I dieci programmi televisivi più visti della settimana e i dati relativi agli ascolti per fasce orarie delle reti Mediaset e Rai

RadioTer Una società che misura gli ascolti delle emittenti nazionali e locali, ma restituisce anche il profilo degli ascoltatori, luoghi di ascolto e i device utilizzati per ascoltare le trasmissioni radiofoniche nazionali e locali più seguite