toiletpaper

Artista, testimonial pubblicitario o genio creativo? Per Maurizio Cattelan e il suo magazine Toiletpaper è arrivato il momento di vendere direttamente al pubblico mettendoci la faccia. Ecco come nasce un marchio che partendo dalla moda unisce arte e merchandising

Maurizio Catellan è un artista noto in tutto il mondo per il suo stile dissacrante e ironico giocato sul filo della comunicazione fino a diventare pubblicità. D’altronde trasformare l’arte in prodotti da vendere non è più un tabù. Specie per il suo Toiletpaper, magazine di tendenza creato con Pierpaolo Ferrari, che dall’arte al fashion si trasforma in shopping.

ToiletpaperMagazine nasce come rivista per appassionati d’arte. Esce ogni sei mesi in edizione limitata senza testo e pubblica fotografie molto particolari riprese su varie riviste d’arte come Vice a Fame. La sfida successiva è trasformare queste immagini dissacranti, ironiche, tragiche, surreali realizzate dell’artista Catellan in marchio e prodotto, anche mettendoci la faccia. Si tratta di progetti trasversali insoliti e coinvolgenti che uniscono design e comunicazione. Gli ingredienti per catturare il consumatore curioso e attento alle tendenze ci sono tutti.

Accessori e prodotti sono venduti online o in temporary shop studiati nei minimi particolari. Come quello in una zona di Milano consacrata alla moda, a pochi passi da Corso Como con collezioni di oggetti singolari e bizzarri. Ideali per regali spiritosi o ricchi di fantasia con prezzi dai 10 euro in su.

Toiletpaper shop

Cosa si può acquistare? Sul negozio online di Toilet Paper c’è merchandising per tutti i gusti. Tovaglie, piatti, ciotole, tazze e poi magliette, zaini con grafiche e stampe colorate appariscenti e insolite che richiamano lo stile pop art. Poi ci sono oggetti di arredamento dal sapore vintage. Tra i tanti esempi l’appendiabiti Grande Cactus diventato ormai un’icona e il pouf gigante a forma di saponetta. Poi altri prodotti e complementi d’arredo d’uso quotidiano che provengono dal negozio di casalinghi Seletti e Gufram. Ad essi si affianca la vendita in anteprima di 100 copie del vinile dorato con la musica dei Daft Punk made by Catellan e Ferrari.

Creatività e stravaganza bastano a decretare il successo di un nuovo connubio che nel nome dello shopping unisce arte e consumo di massa? Le copie di Toiletpaper vendute in tutto il mondo sono un buon punto di partenza. E poi il genio di Maurizio Catellan sembra sempre riuscire a declinare tutto con estrema abilità.

Cattelan testimonial pubblicitario

Nel caso non si fosse ancora capito quanto arte, pubblicità e moda siano sempre più collegate, ecco l’ultimo coup de théâtre dell’artista. Cattelan testimonial di una campagna di comunicazione per Santoni, casa di moda fondata a Milano nel 1975. I romantici legati al concetto del bello classico possono mettersi il cuore in pace. Qui si parla di lusso, artigianalità e made in Italy.

Cosa c’entra uno dei luxury brands italiani più famosi con l’arte? Se ve lo chiedete siete fuori strada. Oggi tutto è trasversale, l’arte è business e non ci si può nemmeno stupire se uno dei protagonisti dell’arte contemporanea nelle mani del fotografo francese Olivier Zahm diventa attore e testimonial. Così le sneaker rivisitate da ToiletPaper per Santoni, con il serpente simbolo della coppia Cattelan Ferrari, diventano lo specchio di questi tempi scaltri.

Se l’operazione non convince, non resta che consolarsi con il wc d’oro 18 carati America. Lo ha realizzato Cattelan per il Guggenheim di New York. Perfettamente funzionante è sempre a disposizione del pubblico in una piccola stanza del museo.

cattelan america
America – Maurizio Cattelan, Guggenheim Museum New York