Concerto espresso

Si chiama Concerto Espresso ed è una delle innovative iniziative lanciate dal Konzerthaus, uno dei più prestigiosi teatri di Berlino per aprire il mondo della musica classica a tutte le persone e trovare nuovo pubblico

Concerto Espresso non è un’idea bislacca, ma un modo per portare nuovo pubblico in un ambiente tradizionalmente rigoroso e apparentemente ostile come quello della musica classica. L’idea di un tradizionalissimo teatro è proporre concerti low cost nell’orario della pausa pomeridiana, che comprendono anche un caffè.

Concerto Espresso (il sottotitolo è Caffeina per le vostre orecchie) fissa l’appuntamento è per le due del pomeriggio. A chi si rivolge? Evidentemente a lavoratori, studenti, pensionati e casalinghe che piuttosto che bersi un caffè in un angolo di una bar anonimo, piuttosto che essere orridamente disturbati da un televisore grande schermo o leggersi un giornale, si gustano un concerto di musica classica.

Il Konzerthaus Berlin costruito nel 1818-1821, non è certo un teatro alternativo di periferia. Si tratta piuttosto di un edificio in stile neoclassico con sale finemente decorate, che quando è stato costruito prevedeva pure un ingresso separato per gli aristocratici. Evidentemente i tempi cambiano: più che accogliere ricchi e nobildonne, ora con 6 euro è possibile accedervi per ascoltare 45 minuti di buona musica, sorseggiando un caffè.

Concerto Espresso e classica per giovani

Ovviamente questa non è l’unica iniziativa del teatro per avvicinare il pubblico alla musica. Secondo il direttore un concerto di musica classica può essere molto di più che un grande concerto sinfonico in serata, ad esempio un Mozart Matinee per la famiglia con spettatori di ogni fascia di età, un concerto organizzato in pausa pranzo o la sera tardi, piuttosto che uno spettacolo in cui l’orchestra suona seduta in mezzo al pubblico.

La Konzerthaus Berlin è molto attiva anche nelle attività per le scuole, organizza concerti a prezzi popolari e porta le sue orchestre nelle strade e nei quartieri alla ricerca di nuovi formati che possano coinvolgere e stimolare il pubblico di ogni fascia di età e categoria sociale. Visto il successo di iniziative come Piano City a Milano, non è escluso che sia questo il futuro della musica: tra un caffè e un aperitivo, ascoltando musica in un cortile, una piazza o un teatro, il bello è condividere un’esperienza.