ciaspole e sci alpinismo

Cresce la voglia di neve fresca tra sci alpinismo e ciaspole. Due modi di vivere la montagna con calma e nel rispetto della natura, magari risparmiando sull’acquisto dei biglietti e senza fare file per gli impianti di risalita seguendo i percorsi tracciati dalle guide alpine

Sia che si tratti di ciaspole o sci alpinismo, il contatto con la natura si fa più autentico e i costi sono decisamente dimezzati: addio a skipass, corsi di sci e pranzi self service. Una formula di montagna slow che prevede l’utilizzo di racchette da neve sui molti itinerari e sentieri delle alpi e appennini, mentre per i più esperti sono le pelli di foca a guidare la pratica dello sci alpinismo. Si tratta di discipline che si possono praticare più o meno ovunque facendo attenzione ai bollettini neve e meteo, scegliendo gli itinerari meno esposti al pericolo di valanghe, soprattutto per i meno esperti e per chi ha bambini su cui vigilare.

Da dove arriva questa voglia di neve fresca? Intanto il sorpasso sugli snowboarder è ormai decretato: negli ultimi anni si assiste a un calo notevole dopo il boom degli anni Ottanta e Novanta, mentre lo sci tradizionale diventa sempre più un fenomeno elitario visto i prezzi che circolano. Ma sono proprio le famiglie a guidare la riscoperta della neve in montagna grazie alle ciaspole a cui si uniscono le molte attività tra gite di gruppo e ciaspolate a tema che rifugi e iniziative regionali promuovono per incentivare il turismo invernale.

Ciaspole e racchette da neve

Certamente con le ciaspole tutto diventa più semplice e conveniente: con circa 50 euro si possono acquistare un paio di racchette da neve che si applicano alle scarpe e permettono di ‘galleggiare’ sulla superficie innevata senza sprofondare, mentre il noleggio per una giornata si aggira sulle 9 euro per adulti e 6 per i bambini.

Solo alcuni laccetti e fibbie da regolare e niente altro, per chi vuole organizzare con la famiglia una passeggiata sulla neve fuori pista basta davvero poco. Certo poi dipende dal tipo di escursioni che ci si appresta ad affrontare, la passeggiata più rilassante può essere sostituita da quella impegnativa che necessita l’integrazione di bastoncini e materiale tecnico specifico… ed ecco che dalle ciaspole si passa alle pelli di foca con lo sci alpinismo dove fondamentale diventa la preparazione atletica insieme all’uso di materiali tecnici specifici.

Sci alpinismo

Dedicato a chi è più esperto della neve fuori pista, lo sci alpinismo prevede attacchi che permettono di liberare il tallone per la salita e bloccarlo quando si scende, scarponi da montagna leggeri adatti alla specialità, bastoncini da sci e pelli di foca sintetiche o di lana che si applicano alla soletta dello sci dal lato adesivo. La loro funzione è consentire lo scivolamento in avanti per facilitare la fase di salita mentre diventa impossibile slittare indietro.

Ecco allora che esplorare la montagna con tutte le sue bellezze a stretto contatto con la natura diventa un momento intimo altamente formativo emozionante: il silenzio, il freddo, la fatica e l’osservazione del paesaggio diventano nuovi parametri con cui avvicinarsi all’ambiente nel più completo rispetto. L’importante è la sicurezza, nel fuori pista è fondamentale informarsi sul pericolo di valanghe ed eventuali itinerari da seguire presso le guide alpine locali.