Che la fine dei compact disc sia più o meno vicina lo sanno tutti, ma che fine fanno 100 cd schiacciati con un pressa idraulica ad una pressione di qualche tonnellata? Lo scoprirete guardando questo video

La fine dei cd è da qualche anno evocata e sempre rimandata. Ma in questo caso non saranno gli mp3 o lo streaming e nemmeno il peso del progresso ad eliminare dal mercato un supporto che ha fatto la storia della musica e non solo. A sconfiggerli sarà piuttosto la pressione di qualche tonnellata esercitata da una pressa idraulica, uno strumento abbastanza inquietante utilizzato in ambito industriale che può comprimere qualunque materiale per compattarlo ed eventualmente imballarlo e la cui opera al tempo di YouTube è diventata fonte di attrazione per centinaia di migliaia le persone. In tanti si appassionano a questo genere di prove e la mania dei video di oggetti schiacciati sotto la pressa non poteva certo risparmiare i cd. In effetti immaginare cosa succede schiacciando in modo inverosimile oggetti apparentemente incomprimibili esercita un certo fascino e nel caso dei 100 cd si aggiunge l’emozione di un supporto fino a poco tempo fa presente in tutte le case. Come in tutte le buone pellicole non sveleremo il finale: per capire come va a finire vi basterà guardare il video, magari dando un occhio alla temperatura che nel frattempo raggiungono i poveri cd. Dopo gli mp3 compressi e i cd compressi consoliamoci (o preoccupiamoci) pensando che lo streaming non potrà schiacciarlo nessuno…