Fare surf e cavalcare un’onda in sella ad una moto? Ma certo perchè non averci pensato prima. Ecco il video dell’impresa di Robbie Maddison, motociclista e stuntman australiano, che con una moto da cross opportunamente modificata riesce domare le onde del mare

Internet impone anche ai più audaci di inventarsi sempre qualcosa di nuovo per primeggiare nelle classifiche dei video virali più visti. Robbie Maddison’s, motociclista professionista specializzato nel motocross freestyle, uno che nella vita di rischi ne deve avere presi fin troppi, non è immune da questa regola che mette coraggio e creatività davanti a tutto.

Solo che questa volta, in sella alla sua moto da cross, Robbie non ha intenzione di saltare canyon o fare piroette, ma di utilizzare il suo mezzo da strada come moto anfibia. L’idea non è certo fare qualcosa di tranquillo: ammesso che attraversare laghi o fiumi in sella ad una moto sia una cosa semplice e alla portata di tutti, la sfida è fare acquaplaning scendendo un’onda alta diversi metri.

Inutile dire che l’impresa ha richiesto uno sponsor importante e molti mesi di preparazione, oltre ad una moto da cross studiata ad hoc con due piccoli sci sotto la ruota anteriore per sostenere il galleggiamento e delle palette sulla ruota posteriore per aumentare la forza propulsiva. Non sono mancati incidenti, lussazioni di spalle e commozioni cerebrali.

Alla fine il risultato è tutto da vedere: nel video girato a Tahiti, Robbie Maddinson’s è in sella ad una KTM 250 – la potenza non è fondamentale, meglio una moto più leggera per questo genere di cose – affronta con successo un’onda alta diversi metri. Lo stuntman riesce a cavarsela anche questa volta, anche se manca un pelo che un’onda lo travolga.

Anzi per un pó scompare nel bianco del muro d’acqua che si infrange e lo insegue. Ammette lui stesso di essersi spaventato: evidentemente andare in moto nel vortice di spruzzi non è come viaggiare in autostrada…