scuole di musica jazz

E’ a Roma, natat all’insegna del celebre motto di Duke Ellington, la prima Casa del Jazz in Italia, versione nostrana del Jazz Lincoln Center di New York.

Ma se la presenza di un tempio del jazz in America a New York poteva sembrare una naturale conseguenza dell’evoluzione della storia del jazz americano, la struttura inaugurata lo scorso 21 Aprile a Roma, pur non potendo contare su altrettante risorse, rappresenta senza dubbio una gradita sorpresa anche perchè si propone di valorizzare innanzitutto la “nostra” storia jazzistica.

E che si tratti di un’importante novità, lo testimonia anche il fatto che la struttura non ha precedenti in Europa, a parte la Bimhuis di Amsterdam. La sede di Roma della casa del jazz comprende un auditorium da 150 posti attrezzato per concerti e festival jazz, dibattiti, proiezioni multimediali e registrazioni discografiche, una sala prove con annessa un’area di ristorazione con giardino esterno e una biblioteca con un ricco catalogo audiovisivo. Gestita dal comune di Roma con Luciano Linzi (ex discografico ed esperto di jazz italiano) alla direzione artistica, la struttura darà spazio a tutte le forme del jazz “ospitandone tutti gli stili e le tendenze, dal dixieland all’avanguardia, senza preclusioni per età e provenienza.” Un luogo che intende inoltre approfondire lo studio del jazz e svilluppare attività didattiche, stage e seminari in collaborazione con le migliori scuole di musica italiane e internazionali.