dieta

Pelle a buccia d’arancia? Niente paura, c’è la carbossiterapia un nuovo metodo per contrastare il ristagno di adipe su fianchi, glutei, cosce e interno ginocchio grazie all’anidride carbonica medicale prodotta naturalmente con la respirazione.

Si chiama Carbossiterapia una delle modalità più diffuse ed efficaci contro la cellulite che si avvale di speciali macchinari formati da piccoli aghetti che iniettano sulla superfici interessate anidride carbonica riattivando la circolazione cutanea. L’anidride carbonica è un gas naturale che esiste nel corpo di ogni persona. Non ci sono quindi problemi o effetti collaterali, poichè il gas è un sottoprodotto del metabolismo e aumenta con l’aumento dello sforzo muscolare. Addio cellulite o quasi, secondo la terapia sottocutanea a base di gas è possibile ridurre il tanto odiato ristagno adiposo e aiutare il microcircolo dove creme e ginnastica non hanno avuto successo. Inutile precisare che è efficace solo sulle adiposità localizzate e soprattutto non è pericolosa perchè ampiamente collaudata, inoltre sembra avere effetti positivi anche sulla riduzione della circonferenza e tonicità delle gambe.

Oltre all’effetto sulle cellule adipose, l’anidride carbonica aumenta anche la quantità di sangue che raggiunge lo strato di tessuto fibroso sotto la pelle, che quindi apparirà più sana. Le applicazioni sono fatte da medici specializzati che dopo una accurata analisi della parte da trattare decideranno la quantità di CO2 da iniettare sotto pelle con un piccolo ago e con applicazioni che durano dai 10 ai 15 minuti in cui la CO2 viene iniettato per un totale di 4 – 16 sessioni.