Car sharing e car pooling sono alternative sostenibili e convenienti per viaggiare in auto riducendo i costi e l’impatto ambientale. Vediamo come affrontano le sfide della mobilità moderna e perchè possono avere un impatto economico e sociale positivo

Il car sharing e il car pooling rappresentano due soluzioni innovative per affrontare le sfide della mobilità moderna. Non solo offrono un’alternativa economica e flessibile all’uso dell’auto privata, ma contribuiscono anche a ridurre l’impatto ambientale e migliorare la qualità della vita nelle nostre città, riducendo la domanda di nuove infrastrutture stradali e parcheggi, preservando spazi verdi e riducendo il consumo di suolo.

L’uso condiviso dei veicoli contribuisce a una maggiore efficienza energetica e alla riduzione delle emissioni di gas serra, aiutando a combattere i cambiamenti climatici. In questo articolo, esploreremo i vantaggi e le differenze tra car sharing e car pooling, analizzando come queste soluzioni possano integrarsi nelle nostre abitudini di viaggio quotidiane. Inoltre, forniremo utili suggerimenti su come iniziare a utilizzare questi servizi e massimizzare i loro benefici.

Indice

Che cos’è il Car Sharing

Il car sharing è un servizio che consente alle persone di utilizzare un’auto in condivisione per un breve periodo di tempo, solitamente ad ore o giorni. Questa soluzione è particolarmente vantaggiosa per chi non necessita di un veicolo a tempo pieno ma desidera avere accesso a un’auto quando necessario. Le auto in condivisione sono spesso parcheggiate in punti strategici della città, facilmente accessibili tramite app o siti web dedicati.

Il car sharing si differenzia dal noleggio tradizionale per la sua flessibilità e convenienza, poiché consente di prenotare un veicolo per periodi molto brevi e di pagare solo per il tempo effettivamente utilizzato. Le principali aziende di car sharing offrono una vasta gamma di veicoli, dai piccoli utilitari alle auto di lusso, permettendo agli utenti di scegliere l’auto più adatta alle loro esigenze specifiche. Molti servizi di car sharing includono i costi del carburante e dell’assicurazione nel prezzo, rendendo il processo di noleggio ancora più semplice e trasparente.

Il car sharing viene utilizzato da 50 milioni di persone nel mondo. Particolarmente utile nelle grandi città, in Italia i servizi di condivisione di automobili vengono usati da quasi 2 milioni di persone tramite app per smartphone che mostrano le automobili disponibili sul territorio. Consentono di mettersi alla guida di un mezzo parcheggiato nelle vie della città, pagando un piccolo costo annuale più un costo chilometrico per l’effettivo utilizzo senza preoccuparsi di bollo, assicurazione o caro benzina.

Il car sharing viene usato per brevi tragitti cittadini di poco più di 5 km e tra i vantaggi, oltre all’assenza di oneri e costi fissi di utilizzo, offre la possibilità di accedere alle zone a traffico limitato, parcheggiando inoltre liberamente nelle zone blu e gialle. Alcune compagnie consentono l’utilizzo per più giorni consecutivi, diventando a tutti gli effetti un noleggio a breve termine in cui si paga la percorrenza in base a tempo o distanza con tariffe che includono carburante, assicurazione e manutenzione.

Che cos’è il car pooling

Il car pooling implica la condivisione di un viaggio con altri passeggeri che hanno destinazioni simili o identiche. Questo metodo di viaggio è ideale per le persone che percorrono distanze regolari, come il tragitto casa lavoro, e desiderano ridurre i costi del trasporto e l’impatto ambientale. I passeggeri condividono le spese del viaggio, come il carburante e i pedaggi, rendendo il viaggio più economico per tutti i partecipanti.

Il car pooling può essere organizzato in vari modi: tramite accordi informali tra colleghi di lavoro, amici o familiari, oppure utilizzando piattaforme online che facilitano l’incontro tra persone che desiderano condividere un viaggio. Queste piattaforme, spesso disponibili come app mobili, permettono agli utenti di trovare e offrire passaggi in modo conveniente e sicuro. Gli utenti possono verificare il conducente in base ai commenti di altri viaggiatori.

In Italia utilizzano il car pooling oltre 3 milioni di persone, per metà donne e metà uomini, specialmente sui tratti autostradali verso le località di vacanza dei fine settimana. La ramificazione degli itinerari e i principali collegamenti con le città in Italia e in Europa mostrano come il car pooling sia entrato a far parte delle abitudini dei giovani. L’esperienza riguarda anche le città per gli spostamenti quotidiani e soprattutto l’ambito aziendale.

Vantaggi dell’auto condivisa

Car sharing e pooling offrono numerosi vantaggi che vanno oltre il semplice risparmio economico. Contribuiscono alla riduzione del traffico urbano e delle emissioni di CO2, migliorando la qualità dell’aria e riducendo l’inquinamento acustico. Se mediamente in Europa le auto sono occupate da 1,7 persone, con il car pooling si occupano 2,8 posti, il 157% in più. Con il contributo degli altri viaggiatori anche il costo di mantenimento dell’automobile cala per chi condivide il proprio mezzo.

Inoltre, diminuendo il numero di veicoli in circolazione, si allevia la pressione sulle infrastrutture stradali e si riducono i tempi di viaggio. Un altro vantaggio significativo dell’auto in condivisione è la possibilità di socializzare e creare nuove connessioni. Condividere un viaggio con altre persone offre l’opportunità di incontrare nuove persone e fare amicizia, creando un senso di comunità e collaborazione. Inoltre, queste soluzioni possono aiutare a ridurre lo stress associato alla guida, poiché i costi e le responsabilità vengono condivisi tra i partecipanti.

Dal punto di vista sociale, il car sharing e il car pooling promuovono una cultura della condivisione e della sostenibilità, incoraggiando le persone a ripensare il loro rapporto con il trasporto e l’uso delle risorse. Queste pratiche favoriscono la coesione sociale e il senso di comunità, poiché le persone collaborano per raggiungere obiettivi comuni, come la riduzione dei costi e l’impatto ambientale.

Servizi di car sharing in Italia

Per utilizzare una automobile in car sharing è sufficiente iscriversi a un servizio online, scaricare l’applicazione e completare il processo di registrazione. Una volta registrati, gli utenti possono cercare e prenotare un veicolo disponibile nella loro zona. La maggior parte dei servizi offre una mappa interattiva che mostra la posizione delle auto disponibili, rendendo facile trovare un veicolo vicino.

Enjoy è un servizio di car sharing offerto da Eni, che utilizza Fiat 500 rosse. È presente in diverse città italiane, tra cui Milano, Roma, Firenze e Torino. Dopo essersi registrati, gli utenti possono utilizzare l’app per smartphone per trovare e prenotare un veicolo sulla mappa. Enjoy offre una tariffa al minuto e include i costi di carburante, assicurazione e parcheggio nelle strisce blu.

Share Now è un servizio di noleggio di auto elettriche a zero emissioni, disponibile in molte città italiane come Milano, Roma, Firenze e Torino. Questo servizio comprende varie società con offerte per la mobilità urbana sia in Italia che in altri paesi del mondo. La flotta include modelli di auto delle grandi case automobilistiche come BMW, Mercedes-Benz, Fiat e Smart. Gli utenti possono prenotare e utilizzare i veicoli tramite un’app per smartphone senza preoccuparsi di ricariche o parcheggi.

E-vai è un servizio di car sharing elettrico con stazioni fisse, presente principalmente a Milano e in diverse province della Lombardia. Gli utenti devono ritirare e parcheggiare i veicoli in apposite zone. E-vai offre una flotta di auto elettriche che possono essere utilizzate per viaggi brevi o lunghi, contribuendo a ridurre l’inquinamento e migliorare la qualità dell’aria. Il servizio è integrato con il sistema di trasporto pubblico locale, rendendo più facile combinare diversi mezzi di trasporto.

Ubeeqo è un servizio di car sharing che consente di noleggiare un’auto da un’ora fino a qualche giorno, con carburante e assicurazione sempre inclusi nel prezzo. Gli utenti possono prenotare e gestire le loro prenotazioni tramite un’app per smartphone. Ubeeqo offre una vasta gamma di veicoli, dai piccoli utilitari alle auto familiari, ed è presente in diverse città italiane, facilitando la mobilità urbana e riducendo i costi di possesso di un’auto privata.

Piattaforme di car pooling

Per provare car pooling esistono diverse piattaforme online che facilitano la connessione tra passeggeri e conducenti. Gli utenti possono registrarsi, creare un profilo e cercare viaggi compatibili con le loro esigenze. Le piattaforme permettono anche di valutare i conducenti e i passeggeri, aumentando la sicurezza e la fiducia tra gli utenti. Alcune offrono sistemi di pagamento integrati, che semplificano la condivisione delle spese.

BlaBlaCar è il leader europeo del settore. Dall’anno della sua nascita nel 2006 a Parigi, con l’auto condivisa sono stati percorsi oltre 2 miliardi di chilometri da decine di milioni di utenti iscritti in 22 paesi. La piattaforma è molto intuitiva e permette di trovare passaggi per qualsiasi destinazione in Europa, con una vasta comunità di utenti che recensiscono e valutano l’affidabilità dei conducenti e dei passeggeri.

Clacsoon è un servizio nato per mettere in contatto conducenti e passeggeri per spostamenti urbani ed extraurbani a pagamento. La piattaforma offre una vasta gamma di opzioni per chi viaggia, inclusi tragitti brevi all’interno delle città e viaggi più lunghi tra diverse regioni. Flixcar si distingue per la sua facilità d’uso e per le numerose opzioni di viaggio disponibili.

Jojob è nato come servizio aziendale per i dipendenti che vogliono ottimizzare gli spostamenti casa-lavoro e risparmiare. La piattaforma è particolarmente popolare tra le aziende che cercano di ridurre l’impatto ambientale dei loro dipendenti e di incentivare l’uso condiviso dei veicoli. Jojob offre anche report dettagliati sull’uso del servizio, aiutando le aziende a monitorare e migliorare le proprie iniziative di sostenibilità.

Uptogo è un servizio rivolto alle aziende, facile, sicuro e veloce per ridurre i costi aziendali, le spese di trasporto private e viaggiare in compagnia. Uptogo si rivolge principalmente alle grandi organizzazioni che desiderano offrire ai propri dipendenti una soluzione di trasporto condiviso affidabile. Il servizio include funzioni di sicurezza avanzate e strumenti di gestione per facilitare l’organizzazione dei viaggi aziendali.


Articolo precedenteNoleggio auto breve o a lungo termine
Articolo successivoFilosofia e filosofi più importanti della storia
Autore: Redazione
Da due decenni esploriamo idee che dalla musica coinvolgono cultura, società e lifestyle. Scrivendo di passioni, tecnologia, mercato, economia e benessere, trattiamo alcuni temi anche per stimolare riflessioni che promuovano uno stile di vita più armonioso e consapevole. Le nostre pubblicazioni hanno raggiunto milioni di lettori.