browser di pc portatile

Tutti sappiamo più o meno cos’è un browser e lo utilizziamo per navigare online o leggere email. Quando acquistiamo un computer, un tablet o uno smartphone nuovo, troviamo questi software caricati sui dispositivi direttamente dal produttore e spesso finiamo con cliccare sull’icona predefinita dal sistema. In realtà esistono molti browser alternativi che si differenziano ognuno dall’altro non solo in termini di grafica, ma anche di prestazioni, velocità, sicurezza e servizi aggiunti.

I due maggiori produttori di computer Windows e Apple fin dall’inizio per fare navigare online i loro utenti hanno sviluppato browser predefiniti chiamati Explorer e Safari. Successivamente sono comparse le prime alternative di altri produttori di software, poi é arrivato Google con Chrome a dare una scossa al mercato. Il fatto di essere il browser del sistema operativo Android lo ha trasformato in quello più usato in assoluto, ma l’evoluzione di questi software non è per nulla finita.

Indice

Cos’è un browser?

I browser sono programmi e applicazioni intuitive che tutti utilizziamo ogni giorno magari senza farci troppo caso. Ogni volta che ci colleghiamo ad internet clicchiamo su un’icona che apre sul monitor una finestra. Inserendo l’indirizzo url da visitare il programma ci mostra il contenuto del sito decifrando il codice con cui è costruita ogni pagina per restituirci testi, immagini e video.

Ogni browser ha determinate caratteristiche in termini di prestazioni, velocità e opzioni aggiuntive per navigare e fare ricerche online. Oltre a consentire di navigare sul web tiene traccia delle nostre operazioni, può prendere appunti, scattare immagini e compiere una serie inesauribile di funzioni che includono sicurezza online e altre funzionalità. Tutti consentono di navigare in modo anonimo senza lasciare traccia dei siti visitati.

Il compito dei migliori browser è rendere la vita dei navigatori online più facile salvando i siti preferiti, bloccando pop up fastidiosi, oppure avvalerndosi di una serie di estensioni per navigare meglio ed essere più produttivi sul lavoro. Dato che gli utenti si collegano al web da una miriade di dispositivi diversi, la funzione di sincronizzazione permette di godere su ogni dispositivo delle stessa configurazione di siti preferiti, password salvate e altre opzioni sulla privacy.

Migliori browser

Si chiamano browser predefiniti quelli già presenti nel sistema operativo quando acquistiamo un dispositivo nuovo. Tutti si ricorderanno il primo Internet Explorer della Microsoft, pre caricato su tutte le versioni Windows, ora sostituito da Edge. I sistemi Android usano Chrome di Google, mentre Apple ha in Safari il suo centro nevralgico del web. Trattandosi di software per navigare online, è possibile sostituirli.

Nell’epoca dello smart working la possibilità di accedere rapidamente a videochiamate potrebbe fare preferire un browser ad un’altro, così come la possibilità di fruire direttamente di contenuti in streaming grazie alla piena compatibilità con codec audio e video. Per gli sviluppatori di siti web alcuni offrono la possibilità di gestire il codice in barre laterali. Se siete alla ricerca di un browser che unisca funzionalità e prestazioni, nulla vieta di scaricarlo gratis, provarlo, o installarlo nel computer insieme ad altri..

Google Chrome E’ browers gratis di Google. Come tutti i prodotti Google si impone per la sua semplicità, leggerezza e funzionalità. E’ riuscito a scalzare Internet Explorer tra quelli più utilizzati nel mondo sui sistemi Windows.

Microsoft Edge Tra i browser è sicuramente il più conosciuto e usato anche per il fatto che è parte integrante del pacchetto Windows quando viene acquistato un computer

Safari L’alternativa Apple dei browser per internet per il mondo dei Mac ma non solo: pc, tablet  e smartphone possono entrare nel web da questa porta oramai molto funzionale e veloce

Firefox Uno tra i primi browser di riferimento per un pubblico di smanettoni sul web. Attualmente offre ancora innumerevoli opzioni ed è tra i preferiti di webmaster e sviluppatori di siti online

Browser alternativi

Vale la pena sostituire il programma predefinito per navigare online su un dispositivo con un browser alternativo? Su internet si trovano schiere di sostenitori di software piuttosto che di altri. Se la velocità, ovvero il tempo che impiegano a mostrarci contenuti online, è simile, ce ne sono di migliori da un punto di vista grafico, altri sono più semplici nelle operazioni più comuni, altri ancora sono ricchi di funzionalità, estensioni e plugin. Ecco un elenco tra famosi e nuovi meno conosciuti. Da testare la piena compatibilità con gli standard del web.

Opera Software gratis funzionale, leggero e sicuro. E’ una alternativa ai sistemi più utilizzati, specialmente nella versione light per smartphone non troppo potenti

Falkon Browser web leggero disponibile per tutte le principali piattaforme. Nato per scopi didattici, ora è disponibile per tutti i navigatori con segnalibri, cronologia e schede

Slimjet Sviluppato sul progetto open source Chromium, promette una navigazione veloce e senza pubblicità e nel rispetto della privacy grazie ad una tecnologia anti-tracking

Vivaldi Ha un sistema di schede a gruppi per tenere ordine tra i siti visitati, consente di non essere tracciati e ha molte altre funzioni utili integrate

Brave Si propone come un browser leggero in grado di consumare meno risorse e batteria sui sistemi portatili oltre a garantire l’anonimato bloccando annunci e tracker

Avant E’ gratis e tra le caratteristiche permette navigare contemporaneamente su diversi siti mediante varie finestre, ha un sistema di blocco dei popup e la ricerca automatica su Yahoo o Google

Toolbar ed estensioni

Quando Internet Explorer dominava il campo, gli altri produttori di browser come Google o Yahoo avevano un gran da fare per cercare di convincere gli utenti a utilizzare il loro motore. Così si inventarono le toolbar, pulsanti aggiuntivi che cercavano di imporre l’uso di un determinato motore. Oggi l’utilizzo di questi sistemi è praticamente scomparso e sostituito dalle cosiddette estensioni, in pratica dei plugin che aggiungono funzioni aggiuntive.

Estensioni Chrome Finito il tempo delle toolbar, questo è attualmente il browser più utilizzato in tutto il mondo essendosi rivelato il più veloce e preciso. Inutile dire che ingloba la ricerca, mentre attraverso le estensioni che troverete in questo pagina si possono implementare una serie quasi infinita di funzioni alternative che ognuno può customizzare a piacimento. Una risorsa fondamentale per chiunque voglia navigare più semplicemente aggiungendo contenuti nuovi e interessanti in modo semplice e gratis

Alexa Una toolbar personalizzabile e gratuita che può fornire molte informazioni sul traffico dei siti visitati e sulla provenienza dei visitatori. In pratica chi lo utilizza viene a fare parte di una community di utenti che danno informazione statistiche sul mondo del web, sui siti più visitati e sulle pagine viste

Softonic Una panoramica di toolbar ancora disponibili sul web. Si possono scaricare gratis dopo avere letto attentamente tutte le descrizioni per cosa servono e cosa fanno.

Google Tone per Chrome

Leggere articoli o documenti, navigare, ascoltare musica, scambiarsi informazioni: quando navighiamo online tutto viene fatto attraverso link o url, gli indirizzi dei siti che digitiamo e visualizziamo sul browser. Google ha sviluppato per il suo browser Chrome una funzione per trasferire questi link attraverso suoni: i Google Tone. Si tratta di una estensione gratuita che consente di produrre un suono diverso per ogni url.

Questo suono contiene il link che verrà trasmesso e ascoltato dai computer posti nelle vicinanze attraverso il microfono. In questo modo la condivisione di indirizzi di siti con compagni di studio o colleghi di lavoro in aule e uffici risulta immediata e semplice. Ovviamente anche gli altri computer nella stanza devono avere l’estensione Google Tone installata. Una volta cliccato sull’icona blu di Tone, i destinatari riceveranno sul computer una notifica che indica che un link è stato inviato e potranno decidere se aprire o meno il collegamento.

Come ogni comunicazione che avviene attraverso i suoni, i limiti del sistema sono evidenti: non devono esserci troppi rumori di fondo nella stanza, il volume degli altoparlanti che trasmettono il suono deve essere abbastanza alto da essere ascoltato dal microfono degli altri pc che chiaramente deve essere acceso e di qualità sufficientemente buona. Non è difficile ottenere buoni risultati, bastano un pò di prove perchè alla fine tutto funzioni per il meglio: con Google Tone scambiarsi link e indirizzi url sul browser in riunioni di lavoro o lezioni di gruppo è sicuramente più facile e veloce.