Tra i tanti musicisti e pianisti jazz, Brad Mehldau è certamente uno tra quelli che non si accontentano dei loro risultati, seppure spesso straordinari, ma che vivono la loro passione sempre alla ricerca di nuovi mondi

Non lo fanno solo suonando in maniera del tutto originale, ma cercando davvero nuovi modi di intendere la musica. E’ questo il motivo per cui questi artisti sono così amati dal pubblico e probabilmente questo è anche il modo più autentico e vero di vivere la musica jazz in modo moderno, in un mix sempre in movimento tra improvvisazione e musica così detta colta.

Così dopo lo stupendo Highway Rider in cui Brad Mehldau è accompagnato da una orchestra e ispirato da compositori come Brahms e Strauss, ora esce ‘Modern Music’. Un titolo non casuale trattandosi di una collaborazione tra musicisti di estrazione diversa, ovvero i pianisti Brad Mehldau e Kevin Hays che suonano opere di Steve Reich, Ornette Coleman e Philip Glass oltre a brani scritti da loro stessi. Il tutto, se arrangiato dal compositore di musica classica contemporanea Patrick Zimmerli non può che essere ‘Musica moderna’ e da ascoltare in silenzio.