Il sogno di guidare un’auto elettrica senza preoccuparsi di rimanere con le batterie scariche si fa sempre più concreto: si chiama Bolt il modello di Chevrolet che promette un’autonomia di oltre 300 Km

Presentata al CES 2016 e in vendita negli Usa entro la fine del 2016, Bolt EV, la berlina compatta a batteria prodotta da Chevrolet avrà un costo di circa 30.000 dollari tolti i contributi in vigore in America, il prezzo più basso per un’auto che finalmente si impone come seria alternativa a quelle con motori a benzina offrendo fino a 320 Km di autonomia e caratteristiche di tutto rispetto in grado di competere con auto elettriche molto più costose.

Innanzitutto la disposizione delle batterie non va a scapito del design, moderno e accattivante, con il baricentro basso, un abitacolo spazioso e senza tunnel centrale che offre comodo spazio per 5 persone, mentre il baule di 480 litri offre una capacità di tutto rispetto e grazie ai sedili posteriori ribaltabili è possibile ottenere una grande superficie piana per carichi extra.

Dal punto di vista della tecnologia la plancia e il sistema di infotainment poi sono davvero originali e funzionali, con uno schermo di 10,2 pollici di diagonale aperto sia ai sistemi Android che Apple, basato su Widget che possono essere personalizzati a piacimento dal guidatore. Lo specchio retrovisore è in realtà una videocamera, mentre dal punto di vista della sicurezza non mancano il sistema anti collisione e il rilevamento di corsia.

Infine i tempi di carica di questa auto elettrica con autonomia di oltre 300 km sono solamente di circa 9 ore con una presa normale in corrente alternata, ma con un sistema in corrente continua l’80% del pieno si fa in soli 45 minuti. Non è ancora chiaro quando questa scommessa della nuova mobilità farà la sua comparsa sulle strade europee. La sfida alla mobilità del futuro è appena iniziata.