Barca a vela affittata con boat sharing

Il boat sharing permette di affittare barche a vela a prezzi bassi. Basta un semplice click per concordare con i proprietari costi e itinerari. Si possono fare crociere fuori dai soliti circuiti turistici in estate e in ogni stagione

Il boat sharing è una ulteriore frontiera della sharing economy pronta a offrire a tutti, o quasi, la possibilità di trascorrere una splendida vacanza in barca a vela in ogni periodo dell’anno, affittando cabinati e accettando passaggi in mare. ‘Condivisione’ è la parola magica anche per il mondo nautico secondo il modello vincente che in altri settori riguarda BlaBlaCar e Airnbnb.

Il boat sharing è un mercato in continua evoluzione: velisti, viaggiatori e semplici utenti appassionati di mare mostrano di apprezzare le possibilità di viaggio che offrono molti nuovi servizi e piattaforme online semplici ed economiche. Tratte, percorsi e spostamenti sono ottimizzati alle proprie esigenze, ma non solo. Una ragione del successo riguarda anche chi possiede una imbarcazione. Se gestire una grande barca a vela da soli può avere costi proibitivi, in società e con la condivisione si dividono le spese e si ottimizza l’uso. Così si può ammortizzare più facilmente il costo iniziale e diminuiscono anche gli sprechi.

Il boat sharing per la maggior parte dei proprietari di barche è una opportunità da non perdere per gestire i costi di manutenzione. Molte barche infatti rimangono ancorate in porto tutto l’anno per essere utilizzate solo una quindicina di giorno in piena estate. Invece ci sono molte persone che uscirebbero in mare in ogni stagione. Perchè non accontentarle?

App e servizi di boat sharing

Il boat sharing ha anche il compito di sfatare il mito tutto italiano della barca a vela come bene di lusso. Se non proprio diventarne proprietari, da oggi noleggiare una barca a prezzi contenuti è facile, basta un app. La piattaforma virtuale più famosa del settore per affittare barche online si chiama Click&Boat. E’ leader sul territorio francese ma c’è una versione della App disponibile anche in italiano. Flessibile e agile utilizza il semplice modello del peer to peer.

Per affittare barche ci si rivolge direttamente a proprietari che si dedicano anche solo saltuariamente all’attività di noleggio, come avviene nel settore della case vacanza per lo stesso Airnbnb. Basta registrarsi gratuitamente sul sito e il contatto è immediato. Una volta indicato il porto di imbarcazione e le date del noleggio, si entra in comunicazione con chi affitta la barca. Il pagamento online avviene subito dopo l’accettazione del proprietario. L’incontro reale avviene il giorno della partenza, quando si affidano le chiavi e si presenta la barca.

Boat sharing in Italia e nel mondo

Il boat sharing mette in contatto offerta e domanda in modo talmente semplice ed economico, che ha fatto registrare crescite esponenziali in tutto il mondo. La Francia in Europa domina la classifica del numero di imbarcazioni affittate. Con una flotta di circa 8000 barche situate in ventidue paesi e 362 porti, a partire dalla Francia, Spagna, Grecia e Croazia lo stesso semplice modello si è diffuso anche in Italia.

L’affitto di barche a vela in Italia è un mercato meno fiorente rispetto a quello francese per un preconcetto di base che in Francia non esiste. Il cabinato a barca a vela è vissuto molto più come la roulotte e il camping, alla portata di tutti. Ma anche da noi è in crescita. Solo sulle nostre coste ci sono ad esempio 50 mila utenti iscritti alla piattaforma di condivisione Sailsquare che funziona in modo simile. Si tratta di mettere in contatto chi ha una barca a vela e chi desidera noleggiarla fare un’esperienza in mare per organizzare insieme una vacanza da condividere con altre persone.

Posti barca e ormeggi Oltre Click&Boat e Sailsquare e ai servizi online per affittare e noleggiare barche a vela, c’è chi propone veri e propri passaggi su mari e oceani o anche chi semplicemente usa delle apposite App solo per scambiare posti barca. Per questo tipo di appassionati di navigazione, Easy Harbor ad esempio vanta una gamma notevole di proposte di annunci di ormeggio in molti porti e destinazioni.

Prezzi noleggio barche a vela

Velisti alle prime armi o veterani della vela, tutto sono ben accetti a bordo. Per navigare non serve nemmeno avere la patente, dato che le varie piattaforme mettono a disposizione skipper esperti che spesso sono i proprietari delle barche. Il servizio offre vacanze e assistenza continua in cambio del 5% di percentuale trattenuta a viaggiatori e a chi possiede la barca. Ma quali sono i prezzi?

Per quanto riguarda le tariffe Su Sailsquare si possono trovare offerte dai brevi weekend a vacanze più prolungate, in estate e in qualsiasi periodo dell’anno. Si parte da una domenica in barca a vela al costo di 70 euro a persona fino ai 1.050 euro per una settimana ai Caraibi, ma dipende anche dal periodo.

Prezzi ancora più contenuti per la piattaforma gratuita di Hola-Boat che elimina anche i costi di intermediazione. Per esempio si può trascorrere un capodanno ai Caraibi per 160 euro a persona in una crociera di 9 giorni che parte da un porto francese. I prezzi si abbassano e si aggirano sulle 50 euro a testa per trascorrere una giornata in barca partendo dalla Liguria. Ma c’è anche chi semplicemente offre un pernottamento nella propria imbarcazione ancorata in porto per 30 euro a notte.