boat sharing

Voglia di navigare in mare aperto? Il boat sharing permette di viaggiare in barca vela e a motore a poco prezzo fuori dai soliti circuiti turistici in qualsiasi periodo dell’anno. Basta un semplice click per concordare con i proprietari le spese e organizzare gli itinerari

Condivisione è la parola magica anche per il mondo nautico secondo il modello vincente di BlaBlaCar e Airnbnb. Si chiama boat sharing la nuova frontiera della sharing economy pronta a offrire a tutti, o quasi, la possibilità di trascorrere una splendida vacanza in barca anche nella stagione invernale affittando e accettando passaggi sul mare, ma non solo.

Semplice e economico con percorsi e spostamenti ottimizzati il boat sharing è un mercato in continua evoluzione anche in fatto di utenti. Il motivo è semplice: la possibilità di acquistare e gestire una barca in società non ha più costi proibitivi. Molte barche a vela o a motore infatti rimangono ancorate in porto tutto l’anno per essere utilizzate solo una quindicina di giorno in piena estate. Ci sono molte persone che invece andrebbero fuori in mare in ogni stagione. Perchè non accontentarli? In questo modo le spese di gestione si possono ammortizzare più facilmente diminuendo anche gli sprechi.

La maggior parte dei proprietari di barche reputa il boat sharing come un’opportunità da non perdere ma da sfruttare con coscienza per ammortizzare le molte spese che una barca anche ferma in porto registra annualmente solo per la manutenzione.

App e servizi di boat sharing

Il boat sharing ha anche il compito di sfatare il mito tutto italiano della barca come bene di lusso. Da oggi diventare proprietari o quasi di una barca a prezzi contenuti è facile, basta un app. La piattaforma virtuale più famosa si chiama Click&Boat ed è leader sul territorio francese ma la App è disponibile anche in italiano. Flessibile e agile utilizza il semplice modello del peer to peer.

Il contatto è immediato e gli affittuari possono rivolgersi ai padroni delle barche che si dedicano solo saltuariamente all’attività di noleggio, come avviene per lo stesso Airnbnb. Basta registrarsi gratuitamente sul sito Click&Boat indicare il porto di imbarcazione e le date del noleggio per entrare in contatto con chi affitta la barca. Il pagamento è online e avviene subito dopo l’accettazione del proprietario. L’incontro reale avviene il giorno della partenza quando si affidano le chiavi e si presenta la barca.

Una formula vincente che ha fatto registrare una crescita del 1.000% in un solo anno in tutto il mondo. In Europa la Francia domina per numero di imbarcazioni condivise. Lo stesso semplice modello si è diffuso anche in Italia e nel resto d’Europa con una flotta di circa 8000 barche situate in ventidue paesi e 362 porti a partire dalla Francia, Spagna, Grecia e Croazia.

Boat sharing in Italia

In Italia il mercato del boat sharing è meno fiorente di quello francese ma comunque presente con 50 mila utenti iscritti sulla piattaforma di condivisione Sailsquare attiva dal 2013. Il meccanismo è sempre lo stesso: mettere in contatto chi ha una barca a vela con chi desidera fare un’esperienza in mare per organizzare insieme una vacanza da condividere con altre persone.

Amanti del mare alle prime armi come veterani della vela, tutto sono ben accetti a bordo. Non serve nemmeno avere la patente per navigare dato che la piattaforma mette a disposizione skipper esperti che spesso sono i proprietari delle barche. Il servizo offre vacanze e assistenza continua in cambio di una percentuale del 5% trattenuta ai viaggiatori e a chi possiede la barca.

Tra le altre App a disposizione per appassionati della navigazione ci sono servizi che offrono anche passaggi sul mare. Bluewago vanta una gamma notevole di proposte, senza dimenticare Easy Harbor pronta a scambiare il posto barca grazie a un semplice click.

Quanto costa andare in barca?

Dai brevi weekend a vacanze più prolungate, in qualsiasi periodo dell’anno non ci sono restrizioni per Sailsquare. Si parte da una domenica in barca a vela a 70 euro a persona fino ai 1.050 euro per una settimana ai Caraibi, ma dipende anche dal periodo.

Prezzi ancora più contenuti per la piattaforma gratuita di Hola-Boat (niente costi di intermediazione). Per esempio trascorrere un capodanno ai Caraibi è stimato 160 euro a persona per 9 giorni partendo da un porto francese. I prezzi si abbassano e si aggirano sulle 50 euro a persona per trascorrere una giornata in barca partendo da Camogli.