Biosauna

Si chiama biosauna la variante soft della sauna tradizionale. Temperature più basse e umidità controllata offrono benefici senza stancare l’organismo e permettono di rigenerare il proprio corpo tra erbe, aromi e essenze naturali

La biosauna, detta anche sanarium, diventa la soluzione per chi vuole rilassarsi al caldo senza il pensiero di controllare temperature e tempi di permanenza. A metà strada tra la sauna finlandese e il bagno turco, è l’ideale per chi non tollera alte temperature, soffre di pressione bassa e ha problemi di circolazione.

Cos’è la biosauna? Rispetto alla sauna tradizionale, la formula vincente è l’equilibrio tra calore ed umidità. La temperatura varia tra i 50° e i 55° gradi, mentre l’umidità oscilla tra il 50% e il 70%. In alcune esiste anche la possibilità di regolare temperatura e umidità a proprio piacimento a seconda di quanto tempo si è disposti a trascorrere. Le controindicazioni sono le solite attenzioni riservate all’uso della sauna tradizionale da seguire assecondando le proprie condizioni fisiche. Importante è non esagerare ed iniziare per gradi.

Biosauna benefici

La pelle è più morbida e luminosa dopo aver espulso le tossine attraverso il sudore e avviato un processo di rigenerazione delle cellule morte, mentre il metabolismo si attiva e brucia calorie. Il sistema cardiocircolatorio viene stimolato, i dolori muscolari e reumatici si dimenticano mentre l’organismo si rafforza per resistere agli sbalzi termici allontanando raffreddori e bronchiti. E non solo.

Nella biosauna ai vapori e al calore si unisce il potere terapeutico delle essenze ricavate dalle piante. Sono estratti aromatici chiamati oli essenziali o essenze che aggiunti all’acqua sprigionano principi attivi salutari. Inalati attraverso il vapore, penetrano nell’organismo e si rivelano una cura efficace per lo stress, cefalea, insonnia, crampi e artrite e molto altro. L’aromaterapia come antica arte di guarire grazie all’utilizzo degli estratti delle piante si perde nella notte dei tempi e mai come oggi è stata rivalutata come mezzo di prevenzione e di mantenimento di uno stato di buona salute.

Biosauna come si fa

Una doccia calda prepara l’organismo favorendo la circolazione del sangue e la traspirazione. Venti minuti sono sufficienti per le prime volte. Le sedute di biosauna possono essere ripetute ogni tre-quattro volte la settimana.

A fine seduta una doccia fredda (non gelida) è un toccasana che tonifica l’intero organismo, favorisce la circolazione, riattiva il sistema immunitario e allevia lo stress.
Reintegrare i liquidi dispersi bevendo acqua pura sotto forma di tisane, centrifugati e bevande naturali. Concedersi inoltre 15 minuti di completo relax sdraiati e avvolti un un telo caldo diventa il momento che conclude degnamente l’intera seduta.

Varianti della biosauna alle erbe o al fieno si trovano in innumerevoli spa e centri termali. Le essenze utilizzate variano e si indirizzano verso effetti rilassanti studiati dall’aromaterapia. Tra le erbe vengono usate eucalipto, ginepro o rinfrescanti e antisettici come aghi di pino, bergamotto, camomilla o cipresso. Cambiano anche le dimensioni della stanza che posso essere più o meno ampie, mentre l’utilizzo di luci colorate in diverse tonalità danno all’ambiente una nota caratteristica. Possono essere diffusi suoni per favorire l’abbandono del corpo nell’intero percorso dal relax assicurato.

Articolo precedenteColorare i capelli dip dye mèches balayage
Articolo successivoOrto in città cittadini per contadini urbani