bioginnastica

La scienza del benessere guarda sempre più ai bisogni unici delle persone. Nascono così nuove pratiche e discipline come la bioginnastica, un tipo di attività su misura che massaggia il corpo, toglie le rigidità e dona energia e vitalità.

La bioginnastica nasce dall’incontro tra tecniche occidentali e orientali che insieme si coalizzano per sconfiggere problemi che vanno dal mal di schiena alla cellulite. Si tratta di un tipo di ginnastica rilassante creata su misura del paziente tra esercizi e massaggi singoli o in gruppo. Lo scopo è prendere coscienza del proprio corpo, spesso abbandonato a posizione scorrette favorite da tensioni emotive di vario genere, che non fanno altro che irrigidire i muscoli generando situazioni di disequilibrio a favore della malattia. Una ginnastica posturale quindi che vuole prevenire piuttosto che curare. Al bando le posture scorrette e via libera a esercizi come allungamenti, ginnastica isometrica, automassaggi e soprattutto a una ricerca personale sul corpo che ci manda continuamente segnali di disagio.

Educando il corpo a trovare una giusta connessione tra esercizio e mente, il risultato è un corpo sano e vitale. La bioginnastica non è solamente una disciplina curativa, poichè i suoi esecizi possono non solo alleviare dolori e fastidi, ma anche fornire un giusto supporto alla vita quotidiana allentando le tensioni e gli stress psico fisici e tonificando l’apparato muscolare e scheletrico con una maggiore efficienza a partire da una buona respirazione. Per questo la bioginnastica non è indicata solo agli anziani, ma è perfetta per i giovani, quando il fisico è sottoposto a grandi cambiamenti da un punto di vista fisico e strutturale, fino all’età dell’adolescenza quando iniziano posture scorrette. Senza considerare che avere un buon portamento può essere un buon motore per l’autostima.