Conto alla rovescia per la realizzazione del più grande grattacielo tedesco affidato al famoso architetto canadese Frank Gehry, alle prese questa volta con la volontà di trasformare una piazza storica berlinese come Alexanderplatz in un tempio della modernità.

Il concorso per il progetto di un grattacielo super moderno in Alexanderplatz è stato vinto dall’architetto Frank Gehry noto soprattutto per il Guggenheim di Bilbao che prevede 39 piani, 150 metri di altezza, 300 appartamenti, una spa e un albergo di lusso. Cosa poteva volere di più Berlino? Certo, dopo il palazzo della Dz Bank in Pariser Platz, a fianco della porta di Brandeburgo, adesso Frank Gehry si appresta a iniziare i lavori, tra un anno circa, per poi riuscire a consegnare per tempo il grattacielo di Alexanderplatz, entro il 2018, disponendo di un badget di circa 250 milioni di euro sborsati dal colosso immobiliare americano Hines.

Qualche idea sul modello? Unico, di sicuro e particolare, anche.. colorato di bianco-crema, si dice che la base assomigli a un trifoglio ingabbiato, mentre gli addetti ai lavori parlano di multipla rotazione di asse.. di certo, secondo direttore del dipartimento di Urbanistica del Senato, diventerà un punto di riferimento per la città. Resta comunque l’annosa questione dell’ammodernamento forzato di Berlino, questo di Alexanderplatz come l’ultimo esempio di architettura di blocco ex sovietico, ma questa è un’altra storia..