yoga per bambini

Lo yoga per bambini con la meditazione si rivelano una pratica preziosa con tanti benefici per la crescita ad ogni età. Attraverso una fiaba, il mimare fiori e animali insegna a rapportarsi con il corpo e il mondo in modo naturale

Lo Yoga è una disciplina per vivere in salute ogni fase della vita. Non ci sono età in cui la pratica non sia raccomandata. Basta affidarsi a personale competente e accettare i propri limiti, senza sforzi. Yoga per bambini è un buon punto di partenza per impostare una vita sana e serena. A partire dal gioco.

La parola Yoga significa unire, concentrare, congiungere il corpo alla mente attraverso determinate posizioni fisiche (asana). Ipoteticamente ne sono state calcolate addirittura 4.800.000 e non è un caso. Ognuna di esse rappresenta il mondo animale, umano e divino in tutte le loro forme e processi. In continua trasformazione. Attraverso l’esperienza diretta è possibile immedesimarsi in ciò che si rappresenta. Il corpo guida la pratica Yoga e insegna ad osservarsi e conoscersi nel profondo.

Posizioni Yoga canti e gesti

Le più conosciute sono la Posizione del Cadavere, Leone, Albero, Pesce e quella del Corvo. Ma cosa vuol dire assumere le Posizioni Yoga? Trasformarsi e ‘diventare’ un albero, per esempio. Significa sperimentare sul proprio corpo il significato simbolico e i benefici della Posizione dell’Albero. Insegna a stare in equilibrio su una sola gamba e percepire stabilità, centralità e forza. Il respiro gioca un ruolo fondamentale. Migliora la stabilità e il sistema respiratorio e nervoso ne trae giovamento.

Nello Yoga tutto è metafora, fiaba e simbolo. Lo rivelano il nome di ogni asana (posizioni), i mantra (canti) e i mudra (gesti). Si parla attraverso le rappresentazioni. E i bambini sono estremamente ricettivi. Bisogna catturare le loro fantasie e l’immaginario, anche dei più piccoli. In un’atmosfera di gioco e di condivisione vengono insegnati i gesti e le posizioni fisiche. Mentre si raccontano storie fantastiche capaci di coinvolgere.

Benefici Yoga per bambini

In America già diversi insegnanti hanno verificato che la pratica regolare dello yoga riduce lo stress a vantaggio del profitto e della socializzazione. In particolare viene sviluppata più consapevolezza sia a livello fisico che mentale. I piccoli sono più calmi e l’attenzione al respiro insieme alla meditazione rafforza la capacità di concentrazione.

Nelle scuole in cui si insegna a meditare all’inizio e fine lezione i risultati sono decisamente incoraggianti. L’atmosfera gioiosa e rilassata è fondamentale per insegnare con efficacia lo Yoga per bambini. L’insegnante deve essere attenta alle esigenze dei bambini e a seconda della fascia d’età proporre soluzioni e modalità differenti.

Insegnare Yoga ai bambini

La passione per lo yoga si trasmette naturalmente fin dalla più tenera età ma quando si ha a che fare con bambini piccoli ovviamente non mancano alcune difficoltà.

Per i bambini è molto più facile la pratica. Li favorisce la naturale flessibilità e senso dell’equilibrio. Assumono facilmente tante posizioni e imparano a essere mutevoli e plastici, rilassati o scattanti a seconda di ciò che rappresentano.

Vivere una fantasia come se fosse realtà. Si raccontano miti, storie e si mimano fiori e animali. E i bambini si immedesimano subito, tendono a seguire e imitare gli adulti. Fanno esperienza del proprio corpo e delle emozioni che ne derivano.

Problemi di concentrazione. I tempi dei bambini sono brevi, bisogna stimolarli. Dipende dall’età e dall’abilità dell’insegnante.

Esercizi divertenti. Sfruttare il fatto che molte posizioni fisiche prendono il nome da oggetti o animali così come i gesti. Si gioca alle trasformazioni in una sequenza di posizioni sostenute da una storia appassionante. I bambini ruggiscono come leoni o si muovono come serpenti. Vivono il mutamento e imparano ad osservarlo. In questo modo si divertono e crescono mentre il corpo lavora.

Libertà di frequenza. I bambini devono poter scegliere liberamente se seguire un corso di Yoga dopo la lezione di prova.