I molteplici benefici della musica sulla salute mentale per favorire l’espressione e la comunicazione emotiva, ridurre lo stress e promuovere il benessere emotivo. Dalla musicoterapia alla gioia di un ascolto consapevole: cosa e come ascoltare?

La musica rappresenta un elemento fondamentale della vita umana testimoniato dagli strumenti antichi, e si è evoluta attraverso molte culture e stili musicali diversi. Oltre all’esperienza piacevole per l’udito, esistono benefici per la salute mentale. Ascoltare musica può aiutare a ridurre lo stress, alleviare l’ansia e migliorare l’umore. Questo perché attiva le stesse aree del cervello associate alle emozioni, al piacere e al ricordo.

La musica ha il potere di risvegliare emozioni, trasmettere sensazioni e creare un legame unico tra il nostro essere interiore e il mondo esterno. Negli ultimi anni, nuovi studi hanno evidenziato gli effetti sul cervello evidenziando i benefici della musica sulla salute mentale delle persone. Questo articolo esplora i diversi modi in cui influisce positivamente sul benessere psicologico offrendo una panoramica dei suoi effetti terapeutici.

Indice

Musica e salute mentale

La musica fa parte della nostra vita da sempre. La usiamo per esprimere emozioni, per celebrare le nostre gioie, per consolarci nelle nostre tristezze. Ma la musica non è solo un mezzo di comunicazione o divertimento, è anche una terapia, una medicina per la nostra mente e per il nostro corpo. Numerose ricerche scientifiche hanno dimostrato che ha effetti benefici sulla salute mentale.

La musica può infatti migliorare l’umore e ridurre lo stress. La musica stimola la produzione di endorfine, ormoni del piacere, che ci fanno sentire più felici e rilassati. Può anche contrastare i livelli di cortisolo, ormone dello stress, che possono causare ansia, depressione e disturbi fisici. Può aumentare l’autostima e la fiducia in noi stessi aiutando a valorizzare le nostre qualità, a riconoscere successi e superare paure facendoci sentire più sicuri delle nostre capacità.

La musica può stimolare la creatività e il pensiero critico. Favorisce la generazione di nuove idee, la risoluzione di problemi, la riflessione personale. Ci apre la mente a nuove prospettive e a nuovi modi di vedere le cose. La musica ci fa sentire più vicini agli altri, più comprensivi, più tolleranti. Può favorire le relazioni sociali e l’empatia creando legami tra persone, facilitando la comunicazione e promuovendo la cooperazione.

Musica come terapia

La musica può essere usata come strumento terapeutico per migliorare la salute mentale e trattare alcune patologie psichiatriche, come la depressione, l’ansia, il disturbo post traumatico da stress, l’autismo, la demenza. La musica può prevenire e curare alcuni disturbi mentali stimolando aree del cervello coinvolte nelle funzioni cognitive, emotive e comportamentali.

La musicoterapia è una forma di terapia che coinvolge l’uso di suoni, canzoni, opere e sottofondi sonori per aiutare a raggiungere obiettivi terapeutici specifici. Durante una sessione di musicoterapia, il terapista utilizza brani di vario tipo per aiutare il paziente a esprimere le proprie emozioni, migliorare la comunicazione e ridurre lo stress.

La musicoterapia può anche essere utilizzata come forma di auto aiuto, utilizzando sottofondi musicali per raggiungere obiettivi terapeutici specifici. Può essere utilizzata da persone di tutte le età, anche da bambini e anziani. Può essere particolarmente utile per persone con condizioni di salute mentale che non rispondono ai trattamenti tradizionali o che hanno difficoltà nel comunicare attraverso la parola.

Benefici della musica

La musica può anche essere usata per meditare. La meditazione è una pratica che coinvolge la concentrazione dell’attenzione per raggiungere uno stato di calma e di rilassamento. Ascoltare brani musicali può aiutare a raggiungere uno stato di rilassamento più profondo e a mantenerlo, specialmente per le persone che hanno difficoltà a concentrarsi. Sulle principali piattaforme di streaming musicale esistono molte playlist adatte allo scopo con stili musicali che vanno dal jazz al suono bianco. E’ importante scegliere una musica che non distragga e che sia rilassante.

La musica può anche essere usata come strumento per migliorare l’umore. Ascoltare qualcosa che piace può aumentare i livelli di dopamina nel cervello, una sostanza chimica associata al piacere e alla felicità. Inoltre può aiutare a creare un legame emotivo con il passato, associando ricordi felici con le canzoni che abbiamo ascoltato in quei momenti. Può anche aiutare a sentirci meno soli e a rafforzare i legami sociali, poiché condividere la musica con gli altri può creare un senso di comunità e di connessione.

La musica può anche essere usata come strumento per la creatività perchè ha il potere di stimolare l’immaginazione e di ispirare la creatività. Ascoltare brani adeguati può aiutare a rimanere energizzati e a superare i blocchi creativi. I brani strumentali senza parole sono migliori poiché non interferiscono con il pensiero verbale. Anche scrivere canzoni o suonare uno strumento è ovviamente un modo per esprimere emozioni e sviluppare la creatività.

Si può ascoltare musica per migliorare l’apprendimento. Ascoltare la musica durante lo studio o il lavoro può aiutare a concentrarsi e a mantenere l’attenzione. Un sottofondo musicale può aiutare a creare un ambiente più piacevole e meno stressante per l’apprendimento. Brani con testi complessi o fastidiosi possono però interferire con la concentrazione che serve per studiare o lavorare.

Come scegliere la musica giusta?

I benefici della musica sono universalmente riconosciuti ma è importante ascoltare qualcosa di adatto per ogni obiettivo specifico. Ascoltare musica sbagliata può avere l’effetto opposto e aggravare i problemi di salute mentale. Non esiste un genere universale che faccia bene a tutti. Ognuno ha i suoi gusti musicali, le sue preferenze, le sue associazioni emotive. Quello che conta è scegliere brani che ci piacciono, che ci fanno stare bene, che rispecchiano il nostro stato d’animo o che aiutano a modificarlo.

In generale si può dire che la musica classica ha un effetto calmante e rilassante. Può essere utile per ridurre lo stress, favorire il sonno, migliorare la concentrazione. Il pop ha un effetto energizzante e motivante. Può essere utile per migliorare l’umore, stimolare la produttività, incoraggiare l’attività fisica. Il rock ha un effetto liberatorio e catartico. Può essere utile per esprimere le emozioni negative, sfogare le tensioni e affrontare le frustrazioni.

La musica jazz ha un effetto creativo e innovativo. Può essere utile per stimolare la fantasia, sviluppare il pensiero critico, ampliare gli orizzonti culturali. I brani etnici hanno un effetto integrativo e solidale. Può essere utile per favorire le relazioni sociali, aumentare l’empatia, scoprire nuove realtà. Ovviamente, queste sono solo delle indicazioni generali. L’importante è sperimentare e trovare ciò che fa per noi, che ci fa sentire bene e ci fa crescere.

Ascoltare musica in modo efficace

In questo articolo abbiamo visto che per sfruttare tutti i benefici della musica non basta ascoltare brani a caso, ma è necessario scegliere qualcosa di adeguato al nostro benessere personale. Inoltre bisogna farlo nel modo giusto. Un ascolto efficace richiede attenzione e consapevolezza in modo che si possano cogliere messaggi, significati e valore della musica. Ascoltarla in sottofondo o come rumore di fondo può non essere sufficiente.

Sarebbe meglio concentrarsi sulle emozioni che la musica suscita in noi, magari non limitandosi ad un solo genere, ma cercando di scoprire nuovi generi musicali, artisti e brani. I benefici della musica dipendono più dalla sua qualità che non ovviamente dalla quantità di ore in cui ci troviamo con le cuffiette alle orecchie. E non bisogna dimenticare che trovare il giusto equilibrio tra silenzio e suono, ascoltando qualcosa che ci piace, diverte ed emoziona, è già una scelta di vita.


Articolo precedenteStile dei compositori e firma d’ascolto
Articolo successivoTrading online e mercato finanziario
Autore: Fulvio Binetti
Fulvio Binetti è un editore online, fondatore di Bintmusic.it, musicista, produttore e esperto di comunicazione digitale. Da oltre tre decenni collabora con le principali realtà del campo audiovisivo, discografico ed editoriale, dove si è distinto nella produzione di canzoni e colonne sonore per tv, radio, moda, web ed eventi. In qualità di blogger, condivide approfondimenti su musica, cultura e lifestyle. Per saperne di più leggi la biografia o segui i suoi profili social.