antibiotici naturali

Quali sono gli antibiotici naturali e se possono essere una alternativa all’uso indiscriminato degli antibiotici di sintesi che, oltre agli effetti collaterali sul nostro organismo, rischiano di diventare inefficaci portando allo sviluppo batteri resistenti difficili da contrastare

Chiariamo subito che gli antibiotici naturali non possono sostituire quelli di sintesi come la penicillina. Questi e altri hanno sconfitto malattie infettive mortali come tubercolosi, meningite e tifo. Ma è appunto l’abuso che preoccupa. Sulle prime pagine dei giornali si leggono notizie preoccupanti sia sugli uomini che sugli animali, con batteri mutanti che imparano a resistere alla loro azione con conseguenze inimmaginabili.

Rimane comunque impossibile negare la loro importanza ma in qualche caso potrebbero essere sostituiti dagli antibiotici naturali. Gli antibiotici spesso sono prescritti per sconfiggere malattie dell’apparto respiratorio. Ad esempio responsabile dell’influenza è un virus molto più piccolo e di altra natura e non un batterio. Sotto parere del medico, ci si dovrebbe limitare e utilizzare gli antibiotici di sintesi solo nei casi in cui davvero è necessario: infezioni gravi (polmoniti, cistiti, otiti) o come profilassi dopo interventi chirurgici e ferite profonde, altrimenti si rivela inefficace e soprattutto dannoso (distrugge la flora batterica e in generale altera l’equilibrio dell’organismo), bambini in prima fila.

Meglio quindi chiedere prima al dottore e informarsi se l’assunzione è davvero necessaria, altrimenti per disturbi meno gravi è meglio cercare altre strade, magari naturali.

Proprietà antibiotici naturali

Gli studi sulle sostanze antibiotiche prodotte dalle piante esistono e sono documentate da importanti ricercatori: in alcuni casi l’uso di antibiotici naturali si rivela una valida alternativa da non sottovalutare. Il loro compito è di uccidere, tenere sotto controllo i batteri e nello stesso tempo fortificare le difese immunitarie che hanno sede nell’intestino.

Non dimentichiamo che proprio quando siamo vittime di stanchezza, stress e magari abbiamo una alimentazione scorretta, il nostro fisico si indebolisce, abbassa le difese… e ci ammaliamo. Ecco un motivo in più per adottare una sana alimentazione insieme all’utilizzo di determinati preparati naturali in grado di vincere la sfida contro il batterio patogeno sempre più evoluto e resistente.

Antibiotici naturali quali sono

Gli antibiotici naturali funzionano per la cura delle infezioni batteriche più comuni di entità lieve e moderata come bronchiti, herpes, dermatiti, influenza, tonsillite e soprattutto a livello di prevenzione. Ecco quali sono:

Aloe Vera Reperibile in erboristeria e farmacia sotto forma di estratto fresco, crema, spray e gel assicura un giusto apporto di vitamine, minerali e altre sostanze benefiche che rafforzano il sistema immunitario. Riduce le infiammazione della pelle, stimola la cicatrizzazione delle ferite ed è un valido alleato in caso di micosi e acne. In caso di raffreddori e influenza il succo aiuta a combatterli.

Aglio Tra i rimedi più antichi più diffusi, contiene sostanze antibatteriche ed è ricco di minerali e oligoelementi. Esistono diversi preparati in commercio, chiedere prima al farmacista e verificare la concentrazione delle sostanze presenti (alliina e allicina). Potente vermicida tende a ripristinare la flora batterica in caso di disturbi intestinali come la diarrea mentre in caso di bronchite favorisce l’espulsione del muco. In caso di otite si può prendere uno spicchio di aglio scaldarlo un poco con olio di oliva, avvolgerlo in una garza e inserirlo nell’orecchio.

Propoli Una vera e propria barriera protettiva creata dalle api per fronteggiare i batteri. Efficace di infiammazioni della pelle e delle mucose, ha molte applicazioni: raffreddori, sinusiti, bronchiti, gengiviti, infezioni vaginali, psoriasi, herpes labiale solo per fare un esempio. Si trova in commercio sotto forma di tinture, compresse e oli. In caso di gengiviti e sinusiti e disturbi generali alla bocca versare circa 15 gocce di tintura di propoli su un pezzo di pane da masticare a lungo.

Olio di melaleuca Un olio essenziale ricavato dalla pianta della melaleuca conosciuta anche con il nome di tea tree. Efficace disinfettante, è una cura autentica per la cistite e vaginiti, contro le infezioni delle vie respiratorie e per debellare herpes e micosi e malattie delle pelle. Si acquista in farmacia e erboristeria in una comoda boccette scura da usare con parsimonia (ne bastano poche gocce). In caso di tosse preparare un unguento da spalmare sulla schiena. Basta 1 cucchiaio di olio e 5 gocce di olio essenziale di melaleuca.

Cipolla tra i più potenti antibiotici naturali contiene vitamine, sali minerali e oligoelementi. Lavora a livello dell’apparato digerente (uccide i batteri patogeni) mentre ha un’azione diuretica e depurativa su reni e vescica. Fresca e pronta per l’uso si trova anche sotto forma di tintura vinosa, sciroppo e tintura (preparazione domestica). In particolare il succo è utilizzato per lenire la tosse, contro la raucedine e nella cura della bronchite inoltre stimola il sistema immunitario e allontana la possibilità di ammalarsi. In caso di raffreddore mettere nella camera da letto un piatto con della cipolla cruda, così da inalare durante la notte i suoi benefici oli essenziali.