alimenti fermentati

A cominciare dallo yogurt scopriamo quali sono gli alimenti fermentati, che proprietà hanno e perchè le loro vitamine e i loro enzimi fanno bene alla salute, disintossicando l’organismo e ostacolando l’azione di batteri potenzialmente pericolosi sulle pareti del nostro intestino

Rispetto ad altri metodi di conservazione la fermentazione è l’unica capace di preservare le sostanze nutritive degli alimenti grazie all’azione di microrganismi che trasformano l’ingrediente principale in una sostanza ricca di salute secondo antiche tecniche di conservazione. Non tutti gli alimenti fermentati fanno bene alla salute, meglio fare chiarezza.

La fermentazione lattica

Prevede la trasformazione dello zucchero del latte (lattosio) in acido lattico, come nei così detti alimenti latto-fermentati di cui lo yogurt è il capostipite: una storia che si perde nelle steppe dell’Asia centrale dove i pastori lo adottavano come alimento più facilmente conservabile rispetto al latte. Sicuramente più digeribile e assimilabile lo yogurt è un valido alleato che stimola il sistema immunitario e la flora batterica dell’intestino regalando vitamine e sali minerali di qualità.

I crauti e altri ortaggi come rape, carote, cipolle e barbabietole si uniscono alla lista degli alimenti fermentati facili da preparare in casa con semplici ricette che prevedono l’utilizzo di pressa verdure e contenitori appositi dove lasciare le verdure a contatto con il sale e acqua a fermentare per parecchi giorni. ll risultato è assicurato per il gusto e i principi nutritivi a cui si aggiunge una valida azione disintossicante su tutto l’organismo.

La pasta acida così detta pasta madre per la preparazione di un pane profumato che si conserva anche per una settimana, compare tra gli alimenti fermentati sempre per le sue virtù di maggiore digeribilità e assorbimento delle sostanze nutritive presenti naturalmente nella farina.

Umebosi è una prugna che ha subito un lungo processo di fermentazione lattica in presenza di sale marino. Possiede la proprietà di rinforzare le difese organiche, aiuta nel caso di mal di testa, favorisce la digestione e tiene pulito l’intestino.

Kefir si presenta come una bevanda più liquida rispetto allo yogurt, lievemente acida e frizzantina da aromatizzare secondo i gusti con miele e frutta. I suoi fermenti sono formati da lieviti e diversi batteri lattici che si presentano sotto forma da granuli gelatinosi, quelli utilizzati per la produzione casalinga.

Fermentazione da muffa

La Soia in Cina e Giappone è protagonista di una fermentazione basata sull’azione di alcune muffe che frammentano l’amido e le proteine presenti nella soia trasformandola in varie tipi di salse dopo una prolungata maturazione dei semi in acqua e sale. L’attenzione alla qualità fa la differenza, più o meno salate e concentrate, quella giapponese risulta essere più leggera di quella cinese.

Tamari prodotto con solo soia e sale maturato per tre anni, questa salsa è ricca di proteine vegetali ed enzimi e viene utilizzata soprattutto per accompagnare il pesce crudo. Di sapore molto più dolce della comune salsa di soia, non bisogna mai farla cuocere: si aggiunge all’ultimo minuto nelle zuppe, verdure e cereali

Natto dai fagioli di soia fermentati grazie a un batterio. Ha un odore forte simile al gorgonzola è molto apprezzato in Giappone per il suo valore nutritivo ricco di proteine, vitamine e di enzimi che lo rendono estremamente digeribile, aiuta a prevenire i disturbi intestinali ed è senz’altro superiore allo yogurt.

Miso prodotto in molte varietà dai semi di soia con sale e riso o malto di frumento o orzo si ottiene questo condimento. Ricco di proteine, di vitamine ha la proprietà di di favorire la digestione e l’assimilazione dei cibi: sono gli enzimi e i microrganismi che lavorano per trasformare proteine, carboidrati e grassi in molecole più semplici e facilmente assimilabili.

Tempeh secondo un procedimento tradizionale dell’Indonesia, si ottiene facendo fermentare i semi di soia con una particolare muffa a cui si aggiungono cereali per aumentare il valore nutritivo del prodotto. A differenza del seitan, composto essenzialmente da proteine del grano, il tempeh risulta un alimento più completo e con proteine di migliore valore nutrizionale. Si trova in vendita sotto forma di panetti.

Fermentazione acetica

Aceto di mele ottenuto dalla fermentazione del succo di mela è particolarmente ricco di potassio e di sali minerali. Rispetto all’aceto di vino ha un odore e un sapone più delicato e anche il tasso di acido acetico è inferiore inoltre non subisce processi di sterilizzazione e pastorizzazione che preservano la vita ai batteri benefici capaci di svolgere un’azione riequilibrante sulla flora batterica intestinale.